GIORNO DELLA MEMORIA 2019

Per far si che il giorno della memoria non sia un vuoto esercizio retorico, penso che sia necessario, in questo presente pop-fascita, raccontare la propria storia, per dichiarare senza mezzi termini chi siamo e con chi stiamo, con chi possiamo essere e con chi non saremo mai.
In questo presente pop-fascista i miserabili pagano la colpa di esistere e di essere poveri, di cercare un luogo in cui vivere e sfamarsi, nel quale lavorare per avere la dignità di uomini.

La storia dei miserabili è la storia di tutti coloro che sono nati nella miseria con un destino di miseria addosso e che, per sfuggire a quel destino di miseria, che li rende invisibili e senza dignità, si mettono in cammino lasciandosi dietro la madre, il padre, fratelli e sorelle, parenti, amici, villaggi, campagne, fatiche estenuanti, guerre e fame.
La storia dei miserabili, per esempio, oggi è la storia dei neri che rischiano di annegare nel Mare Nostrum – che dovremmo ribattezzare Mare Mort(i)um – e degli indios, e degli ispanici e dei caraibici, e dei miserabili bianchi della pampa o delle montagne sudamericane, che si ammassano alle porte dell’Europa o degli Stati Uniti, dove vivono uomini bianchi, ricchi, grassi, sazi, avidi, che voglio alzare muri per proteggere il consumo del superfluo che si ammucchia in immense discariche maleodoranti e contagiose…

Bene, cari bianchi, sotto il colore candido della nostra pelle si nasconde la stessa puzza della povertà da cui fuggiamo continuamente e la repulsione che proviamo per questo esercito di poveri Cristi che si affanna dietro i muri che vogliamo alzare è soltanto la paura, il terrore, che la povertà che si portano appresso come puzza che li accompagna sia pericolosa perchè contagiosa come la peste.
Bene, cari bianchi, siamo tutti uguali, figli, nipoti, eredi della stessa povertà, ladri di terra e dei suoi frutti, perchè, come me, e come te, e come ognuno degli altri di noi, siamo figli di padri che sono emigrati dal proprio paese d’origine per cercare un posto in cui costruire una casa e fare dei figli, e di madri figlie di famiglie emigrate in Paesi lontani, nelle città del Nord, nella Francia, nel Belgio, in Germania, in America, dove ci stanno gli Stati Uniti ma anche il Brasile, l’Argentina, il Venezuela…
Siamo figli, nipoti, eredi dei morti di fame che fuggivano dalla fame e dalla guerra cercando un destino nelle colonie dell’Africa…
Siamo figli, nipoti, eredi, ma sputiamo sui nostri padri e sulle nostre madri, sui nostri zii e sui nostri nonni, sulle nostre stesse storie di cui ci vergogniamo, come se la povertà fosse una lebbra, un cancro, un tumore da cui non si può guarire.
Cari fratelli bianchi pop-fasciti provo vergogna per voi.
Non siamo fratelli, siamo diversi.

Ferraris: “Web è comunismo realizzato, ma resta lo sfruttamento: ecco l’era documediale” | Agenda Digitale

La rivoluzione documediale ha trasformato ogni documento, dalla foto al like, in una merce. Una trasformazione socioeconomica che per certi versi realizza il comunismo, ma senza eliminare lo sfruttamento. La riflessione del noto filosofo per il nostro giornale

Sorgente: Ferraris: “Web è comunismo realizzato, ma resta lo sfruttamento: ecco l’era documediale” | Agenda Digitale

PRESEPE VIVENTE

000514DF-il-naonato-salvato-da-open-arms

Il Natale ed il presepe sono eterni.
Essi vennero dal tempo, perchè è dal tempo che nacquero, il Natale e il presepe.
Essi sono la vita e la libertà, perchè questo significano il Natale e il presepe.
E’ la vita, il Natale, perchè il Natale è l’universalità della vita.
Ed è la libertà, il presepe, perchè il presepe è la libertà di ogni uomo di avere una casa dove vuole e con chi vuole.

Il Natale ed il presepe sono eterni.
Quando vennero, però, essi vennero nel tempo, perchè è nel tempo che vivono, il Natale ed il presepe.
Essi sono la vita e la libertà, ma se pure sono vita e libertà, il Natale e il presepe, essi, pure, nel tempo sono diventati anche morte e sopraffazione.
Essi sono diventati anche morte, perchè l’uomo, nel tempo, ha imparato ad alzare la mano sopra l’altro uomo, a reciderne la vita come si recide il gambo di un fiore.
E sono diventati anche sopraffazione, perchè l’umo, nel tempo, ha imparato ad usare con la mano dell’uomo l’altro uomo, proprio come si usa un oggetto senza vita.

Ma il Natale ed il presepe restano eterni.
Essi vanno nel tempo, perchè è nel tempo che essi vivono, in eterno, il Natale ed il presepe.
Essi sono e la vita e anche la morte, perchè essi sono il tempo del Natale e il tempo del presepe.
Infatti il Natale è e la vita e anche la morte, perchè il Natale è il tempo di ogni uomo che viene al mondo, nel tempo, e che, nel tempo, ogni uomo, finisce.
E anche il presepe è la vita e la morte, perchè il presepe è la casa in cui ogni uomo decide di trascorrere il tempo che trascorre nel mondo, ovunque egli viva e con chiunque egli decida di vivere.
E ovunque egli finisca il suo tempo e con chiunque decida di finirlo.

Il Natale ed il presepe, infatti, sono eterni.
Perchè ogni uomo è il Natale del suo tempo, il tempo unico di ogni uomo.
Ed anche perchè ogni uomo abita il presepe del tempo concesso ad ogni uomo.
Il Natale è eterno, perchè il Natale viene per ogni uomo, da sempre. Per sempre.
Il presepe è eterno, perchè ogni uomo abita il presepe della sua vita, da sempre. E per sempre.
E nessuno può togliere ad un uomo il suo Natale ed il suo presepe, il suo tempo e la sua casa.

Un vecchio concerto

Il bello di queste immagini è che sono un pò sbiadite, sfuocate, come consumate, come se il tempo, passando, le avesse cancellate poco a poco.
Il bello è queste canzoni richiamano il tempo come un grumo denso attorno ai suoni, alle melodie, ai sentimenti, ai valori che m’incendiavano quando ero incendiato dal fuoco dei miei diciassette o diciotto anni.
Il bello è che questi ricordi hanno il calore di un fuoco che non si è mai spento.
Sono come le scintille di qualcosa che brucia senza consumarsi, come le braci nei camini sotto la cenere.
La cenere degli anni, dei mesi, dei giorni, soffice, morbida, tiepida.

Il bello di certi momenti è che non hanno un tempo in cui spegnersi.
La vita, che spegne i nostri giorni, uno dopo l’altro, come se fossero fiammiferi, che si consumano uno dopo l’altro, è consumata dal tempo, come se fosse un ceppo che si consuma lentamente in un camino, fiammella dopo fiammella, scintilla dopo scintilla.
Ma certi momenti sono al fuori di ogni legge, fuorilegge e briganti, anarchici che ardono la propria fiaccola illuminando la vita con la luce eterna che mette a fuoco i ricordi che la chimica rende ardenti come fossero vivi per sempre.
Il bello di queste immagini sbiadite e sfuocate è che sovvertono la chimica, fatta di reazioni che si consumano nella irreversibilità dei composti che si mescolano.
Queste immagini rendono eterne le mescolanze fra i ricordi ed il presente, che non riescono a fondersi nè a separarsi. Eppure restano, in me, come una cosa sola, formano una mia esistenza unica, ma fatta di chimiche, alle volte così inconsumabili tra loro da rendere ogni istante eterno, al di fuori del tempo, altre volte, invece, così irreversibili da rendere il tempo così breve da sembrare un istante unico e finito…

La marcia su Cacania

cacania

E nun ce sta nient’ ‘a fà, chesta è ‘na città ‘e mmerda.
Ccà, ‘nd’ ‘a chesta chiaveca ‘e città, songo sempe ‘e puverielle che passano ‘e ‘uaje.
‘Stavota però v’aggia cuntà chello che succerette quanno chillu sfaccimm’ d’ ‘o rrè se mettette ‘ncapo ‘e fa’ ‘a uerra pe’ s’arrepiglià ‘sta città e mmerda ‘dopp’ ca s’era arrebbellata.
Quanno se mettette, pe’ ffà ‘nu nuovo guverno, ‘nzieme al partito dei fantasimi di Cacania.

Ve ll’aggia ‘cuntà pecchè ‘sta storia è overamente eccezziunale, è ‘nu fatto ca pare nun s’ave maje visto primma ‘ngopp’ ‘a faccia d’ ‘a terra.
E ‘o ssaccio, ‘o ssò, mo’ vuje ve site misso già a ridere, ve veco, tutte quante, ‘ncopp’ ‘a seggia, a rint’ ‘o vico, annanz’ ‘a porta, alluccanno a Mariella:
“Mariè, staje a sentì, ‘uard’ ‘a chisso scemo, ca ce sta’ ‘a raccuntà!
Rice che ccà ce sta’ nnu cazz’ ‘o rrè, ca ‘sto rrè se vo’piglià ‘a città, ca se vo’ fà ajutare da ‘nnu partito de fantasimi!
Mariè, e gguarda, ‘uarda, ‘nu partito co’ ‘nu nomme ‘e mmerda !
‘Nu partito ca se chiamma “Partito dei Fantasimi di Cacania !”
Ah ah ah ah ah ahà!!!!

Però vuje nun v’avite mettere ‘a rirere !
Divisseve mittevv’ ‘appaura, invece!
Eggià!
Pecchè, chillo, ‘o nomme ‘do partito, ‘o Partito dei Fantasimi di Cacania, è vero, pare ‘o nomme ‘e ‘nu cesso, ‘na pazziella maleducata, ‘o cunto ‘e ‘na criatura scustummata.
Pare ‘o nomme ch’ ‘ave misso quacche segretario scemo, nu ‘senatore, overo ‘nu deputato, cchè ssaccio io, ch’aveva asciuto pazzo all’intrasatte, ‘nu ‘fundatore scunclussiunato… Eh, che dico, ce ne so’ state sempe tante…
Uno co’ ‘na capa fraceta, ‘nzomma.
E invece vuje m’avissava stre a séntere cchiu seriamente.

Mo’, mettiteve assettate e statev’ a sentì chillo che v’aggi’arracuntà.
Cca’ ‘o fatto se fà proprio serio!
… O, apperlomeno… stu’ fatto addiventa ‘nu cazz’ ‘e ‘uaje pe’ tutte chille c’ ‘anna fatecà pe’ putè campà.
So’ dulure ‘e panza pe’ tutte chille ca’ se susano ‘a matina ‘ambressa e vulessero magnarare senza fatecare cumm’ ‘a bbestie.
E’ ‘na traggedia!
Già, ‘chiste puverielle nun pozzono campa’ senza jittà ‘o sang’ ogn’ ggjuorno abbasci’ ‘o puorto, ‘o mmiez’ ‘o mercato…
Si pure, po’, se trova, ‘sta cazz’ ‘e fatica, che t’accide mentre te fa’ ccampà co ‘a panza sempre avvacante e vocca chiena sulamente ‘e viento e chicchiere…
Tanto, mò nun se trova cchiù manc’ a ffaticà, sulamente ‘nu ppoco ‘e contrabbando, ‘nu lavuretto ‘a niro, ‘na gghiurnata ‘mmiez’ ‘a terra…

So’ sulamente gguaje.
‘Na disgrazzia.
So’ cazz’amare!
Chi va cercanno ‘e purtà ‘a casa ‘nu piatt’ ‘e menesta, ‘nu tuozz’ ‘e pane, ‘na manata ‘e patane, pe’ sazzià vucchetelle affamate ca chiagneno, e chiagneno… e chiagneno… tutto ‘o tiempo ca ddio manna ‘nterra!… ogge trova sulamente mmiseria, puertà e disperazzione !
E che cazz’.
Vuje m’avissam’ a capi’!
Embe’.
‘Nzomma !

E vuje ve l’avisseve arricurdà, chillo ribbusciato, ‘o cazz’ ‘e Masaniello, chillo fetient’ e mmerda ch’aveva misso sott’ e ‘ngoppa tutta ‘a città.
Isso e tutta chella maniata e fetienti c’avevano occupato ‘o palazzo rriale.
Avevano appicciato ‘o ffuoco ammieze ‘e puverielle.
Ind’ ‘a città, rind’ ‘e vviche, adint’ ‘all’osterie…
Nun se parlava d’altro.
‘A rrevoluzzione!
Avevano armato n’esercito ‘e puveracce, ‘e muorte ‘e famme, ‘e ‘mbriacune…
Tutta ‘mmala ggente.
Brigante, miserabbile e delinguente!
Disperate e gnurante fin’ ‘addind’all’ossa.
E c’aveva fatto chill’omme e mmerda?
V’arricurdate?

Quanno era arrivato annanz’ ‘o rrè, ll’aveva apustrufato cumm’ ‘a ‘nu tizzone dell’inferno.
Pareva ‘nu rivoluzzionario allampato ‘e vampa!
“Voi, ‘o rrè d’ ‘o cazzo, ve n’avete da ghjire a fare inculo.
Da oggi sono io a prendere scettr’ e curona!
Songo io, mo’ a cummandare tutta la città.
E chiste muorte ‘e famme cca’, ll’esercito rrivoluzzionario, da ogge s’aveno sfamare cu’ tutte le ricchezze voste.
Cu’ chello ca c’avete arrobbato in ttutti questi anni.
Vuje, mmiezo rre’
Vuje, ‘o rrè, e cu’ vvuje, chella zoccolella d’ ‘a rigginella, ‘nzieme accu’ lla curoma, e appriess’ a vuje pure chella principessina bruttarella e puttanella assaje … mo’, propetamente adesso, ve n’aveta da jire affare ‘ngulo !
Fora dalla città!
Qui adesso comado io !
Adesso comanda il Poppolo.
Il Poppolo è sovrano.
E nun ce sta spazzio per duje rrè ‘rint’ ‘a cchesta città.
O ce state vuje, ch’avete arrobbato fino a ogge.
Opuremente il Poppolo, ca ogge s’ave arrevotato e che v’ave processato e cundannato!
Il popolo intero vi ave arriconosciuto corpevole!”

Accussì dicette chillu cazz’ ‘e Masaniello.
E ppoje, continuate:
“La colpa vosta, mmiezo ‘rrè, è che avete sempe arrobbato, vuje tutt’ ‘nzieme a li vosti ministi.
E pure li nobbili aveno arrobbato ‘nziem ‘a vvuje.
E li prtiti de li nobbili inzieme a lloro e pur’ a vvuje.
E adesso, propetamente mo’, vuje, ‘nziem’ a lloro, avite andare a farvi fottere da un’altra parte!
All’alba di dommani matina dovrete lasciare la città.
E ‘nzieme a vvuje tutte le zoccole ch’avevato fatte cunzgliere di cammere, barunesse e principesse, tutt’ ‘e cardinali, tutt’ ‘e generali e tutta chella maniata ‘e fetiente ‘e mmerd’ c’avevate accampato appriesso a vvuje ‘ncopp’ ‘e spalle noste!
Ecco.
Ho detto.
Io, Masaniello.
Vi ordino.
Jatevenne!!!”

Si.
Masaniello.
Che c’avete messa speranza ?
Cillo, Masaniello … O Masaniello d’ ‘o cazzo!
E pure chillo, ‘o rrè, chill’iomme ‘e mmerda, ll’aveva accreduto.
E se mettette subbeto appaura.
Overamente, anzi, chillo, ‘o cacasotte d’o rrè se cacaje propetamente ‘sotto.
Pperciò pigliaje chillo nome.
Cacasotto.
E currette a s’annasconnere.
Pareva ca chiagneva.
Cumm’ a ‘na criatura.
Alluccava che ‘llaveno arrobbato la pazziella.

La matina roppo, primm’ancora c’ ‘o sole s’aizava ‘ncopp’ ‘o mare, tutta la prociussione rriale, ‘o cacasotto annanze, annascuso ‘rind’ a ‘na carrozza, ‘a riggina zoccolella a ffianc’ a isso e la principessina fij’ ‘e puttanella, addereto.
Eppoje tutto lu corteo delli mministri che seguivano accavallo.
E appresso stevano li cardinali mpurpurati, a ppede, che stevano stritte stritte a ‘nu cirteo ‘e monacielli e munacelle, pare che priavano zittu zittu….
E chiagnevano, chiagnevan o tutte quante.
Doppo c’avevano futtuto tutto chello ca se potevano fottere e arrobbato tutto chello ca se putevan’arrobbà, mo’, adesso, chiagnevano e pure sicuramente futtevano…
Poi, appriesso venivano i cortiggiani, ‘nzieme a li surdate, estavano tutt’in divisa, ca nun se capiva chi pareva ‘nu surdato e chi invece era stato sulamente maggiordomo…
Tutta chella marmaglia era stata la crema della nobbiltà cittadina, ma mmo’ stavano scappanno cumm’ ‘a ‘na jattara appaurata.
Tutto ‘nu ‘nzerra ‘nzerra ‘ca faceva venì ‘a vummecà sotto ‘o mare d’ ‘e rrisate ‘d’ ‘a povera ggente arrevoluzzionata.

Tutto il poppolo s’era arrovesciato sulla via per avvedere chillo cacasotto d’ ‘o rre’ ca se ne fujeva cu tutto lo guverno … e lo curteo de la pruciussione appriess’ a isso!
Ma succerette ca, avvedere ‘o rrè se ne fujeva, ca jeva scappanno purtannese appriesso tutta chella folla di ministi guvernativi che fino a poche ore primma appaurava la pupulazzione colli ggiudici c’ordinavano alllo bboja di tagliare capezze e impiccare pupulane, mentre se ne scappaveno pure li prievuti appiess’ a lloro, ca nun recitaveno cchiù lu paternoster e il gloriappadre e l’Avemmaria, ecco, mò, adesso, avvedere ca se ne fujevano tutte quante cumm’a ‘e zoccole ca se ne fijeno rint’ ‘a chiaveca quann’arriva ‘o jatto niro, ecco, nun saccio pecchè, la pupulazzione se facette piano piano trista trista….
All’inizzio, tutte quante mannavano affanculo lu rrè cu tutte li rreali.
Gjiè tiravano appriesso ‘ammunnezza opure verdura fraceta, mentre daq le feneste se svacavano cacature e cufanature…
Quaccheduno più arreccuto pigliava ‘na muneta ‘e quatto sorde.
E currenno appriess’ a chella prucessione ammalincunita jettavano e ghiastemmavano ‘ncuollo a chille povere bestie ca stevano scappanno.
E ttutte alluccaveno, maledizzioni e ghiastemme e pparole miserabbile ca nun se putevano sentì.
Io puro.
Io stesso, cca’ mo’, nun pozzo arriferì.

Inzomma, s’era scatenato l’inferno ‘nterra!
‘N’inferno ca restaje spalancato comm’ a ‘na vocca affamata, agliuttennose tutta quella appruciussione, fin’ ca quanno, alla fine nun scumparette fora dalla porta cittadina.
Poje, chiano chiano, quacche cosa ‘ntristije tutt’ e pupulane.
Cumm’ a ‘nu brutto penziero.
‘Nu presentimento tristo.
‘O cielo s’oscuraje all’intrasatte.
E po’, lampe.
E ttrone.
Senza manco ‘na goccia d’acqua.
Quacceruno alluccaje, nel silenzio che s’era fatto.
E’ la maledizzione!
‘O rrè, li cardinale.
Avimmo cacciato ddio, ‘nziem’ a lloro!
E tutte s’addenucchiarono prianno.
Quaccheruno steva già chiannenno!
Quaccerun’altro ajzava ‘e mani ‘ncielo.
Molti stevano in silenzio.
Sgumentati.
Stòlidi.
Muti!

Quando le porte della città furono finalmente ‘nzerrate, ormaje s’era fatto miezzojuorno.
Il sole era già assai alto in cielo.
Le strade furano arrimaste solitarie.
La città s’era fatto ‘nu deserto.
Pure ‘o cazz’ ‘e Masaniello era sparuto.
Forze, diceva quaccaruno, stava assiso ‘ncopp’ ‘o trono rreale.
Forze, diceva quaccherunaltro, stava cu’ Mmariella, aret’ ‘ vico.
Forze, dicevano le malelingue, se n’era scappato puro isso.
Dicevano che l’avevano visto cu’ ‘nu sacco de munete, argiente e ori, mentre se ne fujeva p’ ‘a fenesta d’ ‘o palazzo rreale.
Certo, nisciono ci credeva overamente.
Ma chillo, ‘o cazz’ ‘e Masaniello, ‘o cunucevano tutte quante.
‘Nu muort’ e famme.
Un ex guitto di tiatro.
‘Na barba longa.
‘E capille cumm’ a ‘nu lione.
Alluccava sulamente.
Addegrignava ‘e diente cumm’a ‘na tigre.
Ma pò.
Overamente.
Chillo che cazzo jeva truvanno dalla povera ggente?

All’inizzio tutte se penzavano ‘ca fosse arrivasta ll’ora ‘e accummannà.
Quanno erano trasuti nel palazzo, comm’a ‘n’esercito vincitore, se penzavano d’essere addiventati tutti eroi.
Emmò dovevano fare le leggi per i poveri.
Dovevano dare da mangiare a tutte quante.
Truare ‘nu lavoro pe’ tutte le pezziente.
Ca pò, comme se chille, ‘e pezziente, se vulessero mettere overament’ ‘a ffatica’ !
Chianu chiano, doppo ca s’erano sazziata ‘a panza, inzomma, doppo c’avevano sfugato l’arrepressione ca i muort’ ‘e famme se portano ‘rint’ ‘o core ‘a quanno so’ muorte ‘e famme, appoco appoco, tutte quante s’appucundriarono dentro alla sala del Parlamento d’ ‘o palazzo rriale.
Quacche cundanna a mmorte ce vuleva pe’ arricriare lo spettacolo ‘ntristuto.
Ma, arrutulata che ffù quacche povera capa ‘mparruccata ca ancora nun se n’era fujuta appriess’ ‘o rrè, presto arrivaje la tristezza pupulana.
Masaniello, cazzone cumm’era, ‘nun sapette che dicere.
Facette primma ‘nu discorzo a tutta la pupulazzione.
Parole gorsse, volarono, dentro alla sala del Parlamento.
Ma furono sulamente strunzate.
Chillo, ‘o popolo nun sapeva che cazzo fà.

Passarono i ggiorni, le settimane, quacche mmesata.
Dopo gli editti, le proscrizzioni, le condanne e l’esecuzzione, nun restaje cchiù autro da fare che metterse accummanare.
Ma chella fatica metteva appauta a tutte quante.
Nisciuno cchiù asciva di casa per andare alla sala del Parlamento, ‘ncopp’ ‘o palazzo rriale.
Quella sagliuta davanti al palazzo sembrava addiventata ‘na muntagna ‘nnevata.
Ggelo, fulmini, tempeste parevano muzzecare li stracciati ca s’avessero vuluto avventurare a chillo cimmitero ‘e morte.
Appoco appoco, manche cchiu’ ‘e pupulane se facettero avvedere in giro, appaurati di dovere faticare per accummanare.
Avere da vutare lleggi e ‘e rregulamenti era ‘na cundanna a mmorte!
Nisciuno ‘e chill’ ‘e murt’ ‘e famme sapeva leggere o scrivere.
” ‘O cazzo d’ ‘o Masaniello ave parlato cumm’ ‘o scienziato d’ ‘o cazzo”, se diceva ‘a ggente p’ ‘a via.
“Ave accummannato a chillo cacasotto d’ ‘o rrè ‘e se ne ji’ affanculo, ma nuje, puverielle, senza ‘nu rrè, mò, nun ce sapévamo avvedere”.
Quacche mese doppo ch’ ‘o rrè cacasotto se n’era scappato, già ce stevano i disperati ca stavano chiagnenno, ammalincuniti ca nun potevano cchiù obbedire a quaccaruno.
‘E cape toste cchiù toste sostenevano ca si dovevano ancora fare le leggi nòve.
Ma nessuno sapeva scrivere e anche quelli che dicevano che si dovevano fare leggi che non dovevano essere scritte, pecchè tutti le potevano imparare a memoria, poi, nun se arrecurdavano neppure loro che cosa avevano deciso di decidere.
Eppoi, quando appruvavano a fare uscure una legge nuova, ecco che quella pareva cumplicata, difficile, ‘na cacata ver’ e propria.
E issi stessi, allora, se mettevano vergogna e s’accurrevano a annesconnere co’ ‘nu bicchiere ‘e vino ‘mmano, all’osteria addereto ‘o palazzo rriale, all’angolo d’ ‘o vico, nell’ombra, annescusi.
Accussì la città era addiventata un casino vero e proprio.
Tutti s’erano fatti ggenerali.
Nisciuno sapeva accummannare.
Nisciuno ca puteva obbediscere.
‘O cazz’ d’ ‘o Masaniello aveva fatto alcune dichiarazzioni ai ggiornali degli Stati stranieri dei dintorni, facendo fuoco e fiamme, ma s’era appaurato tutto quanno, cumm’ ‘a ‘nu guaglione c’ave visto ‘o fantasima suojo mmiez’ all’oscurità della notte.
La notte era caduta sulla città.
‘Na notte ca nun ferneva cchiù.
A fottere s’erano fottuto, il primo giorno, tutto quello che si poteva fottere.
Oro, ggiojelli, pperle prezziose, dinari e carte commerciali.
S’erano chiavate tutt’ e zoccole d’ ‘o quartiere, chelle ch’erano arrimaste, brutte, vecchie e zzuzzuse, che le più prezziose se nerano avevano penzato bbene d’annà appriesso ‘o cazz’ d’ ‘o rrè.
S’erano scopate pure le mogli, le amanti e le cuggine.
Nascettero ‘nu sacc’ ‘e figlie, ‘ncap’ manc’ a ‘n’anno.
Tutte vocche nuove da sfamare.
Ma mò nun ce stava cchiù nippure ‘nu cuntrabbandiere ca teneva aperta ‘na puteca.
Il pane era finito e la farina nunn’arrivava cchiù abbascio ‘o puorto.
Anche ll’urtima nave china ‘e farina era restata senza scaricatori.
E la bianca macinatura addiventaje subbeto cibbo marcito per le zoccole nere d’ ‘o puorto,.
Manco ‘e jatte annettero a lle ‘scuncicà.

Chillo sfaccimmo d’ ‘o rrè invece di fuggire s’era andato rrifuggiare a casa d’ ‘o frate, che aveva nominato governatore dello stato di Cacania.
Llà, ‘o ssapite pure vuje, a Cacania, ormai c’erano rimaste sulamente fantasimi e spiriti spettrali.
‘O guvernatore era nu spilungone verdastro, cu’ ‘na faccia ca pareva ‘nu puorco ben pasciuto, era ‘o frate d’ ‘o rrè, forse… accussì diceva chella gran puttana della riggina madre d’ ‘o cazz’ d’ ‘o rrè.
Tutt’e dduje avevano banchettato, s’erano fatto le rraggioni, avevano deciso di sazziare primma la pancia e poi di chiamare a raccolta tutto l’esercito di ministi che abbondavano a Cacania.
In poche ore la resistenza era organizzata.
Il nuovo guverno!
I fantasimi erano leggeri, volavano per le strade, si organizzavano in manipoli che era una gioia per i ministi ordinare e comandare.
Le bbannére erano gialle e verti, brillanti, cull’inzegne tutte d’oro.
In testa ce stava la banda.
‘Na bbella canzone.
Un inno.
“Forza Cacania”.
‘O rrè stette a guardare stupito.
Il corteo, la pruciussione dei fantasimi di Cacania era fatto di gente vestuta oscuro, ma appareva vulare incoppa alle vie, sulla strada della città dove si stava precipitando per compiere la vendetta controrivoluzzionaria.
Le sentinelle della città addormivano tutte quante.
Li spettri arrivarono di soqquatto.
In silenzio passarono attraverso i muri.
Nessuno li sentì.
… (forse continua)

Oumuamua è un’astronave aliena? Secondo gli scienziati è spinto da una ‘vela solare’ (ma non tutti sono d’accordo) – Business Insider Italia

Molti si interrogano sulla natura dell’oggetto spaziale a forma di sigaro. Ora pare proprio che sia un vero Ufo

Sorgente: Oumuamua è un’astronave aliena? Secondo gli scienziati è spinto da una ‘vela solare’ (ma non tutti sono d’accordo) – Business Insider Italia

Mafia capitale esiste, in appello riconosciuta l’aggravante mafiosa. Ma pena scontata a Buzzi e Carminati – Il Fatto Quotidiano

Era corruzione sì, ma era anche mafia. Mafia capitale. I giudici di appello “smentiscono” quelli di primo grado sul “mondo di mezzo” che voleva prendersi Roma con la forza e con le tangenti. All’ombra del Colosseo, quindi, c’era un’organizzazione criminale che si muoveva come un clan affiliato alla ‘ndrangheta e una famiglia di Cosa nostra. […]

Sorgente: Mafia capitale esiste, in appello riconosciuta l’aggravante mafiosa. Ma pena scontata a Buzzi e Carminati – Il Fatto Quotidiano

P.S. Un curriculum di Carminati, dai NAR, gruppo armato di estrema destra, alla banda della Magliana, passando per l’omicidio Pecorelli (peccato che questi politi-cuccioli pop di oggi si sono dimenticati della storia d’Italia, morti, sangue, stragi, senza colpevoli, un Paese senza giustizia. O forse, per qualcuno dei politi-colpevoli, l’amnesia è voluta!):
https://it.wikipedia.org/wiki/Massimo_Carminati

Leggi razziali, 80 anni fa gli studenti ebrei via dalle scuole. Liliana Segre: Non siate indifferenti – Corriere.it

Notizie su scuole elementari, medie, superiori, liceo, universita’, quotidiano in classe, maturita’, esami di stato, studenti, insegnanti, professori.

Sorgente: Leggi razziali, 80 anni fa gli studenti ebrei via dalle scuole. Liliana Segre: Non siate indifferenti – Corriere.it