A CHI MI GENERO’

Sandro BOTTICELLI – LA PRIMAVERA

Padre nostro che sei nei cieli…

e tu, madre nostra …  a voi

che siete tutto, per noi, sulla terra,

innalzo questa preghiera.

Padre che mi hai generato 

della stessa sostanza del padre,

sia santificato il tuo nome …

Ave a te, o madre, Maria,

madonna, piena di grazie.

Tu, prena, la vita mi desti 

quel giorno, candido fiore,

offrendo il tuo grembo

generoso, cibo d’amore.

Duri in terra il tuo regno…

mia vita, e duri in eterno !

Sia fatta così la tua volontà…

Tu che mi ami senza misura,

come in cielo così in terra…

E da questo paradiso, o terra,

s’alzi la mia preghiera d’amore.

Che giunga al profondo dei cieli!

a

Padre nostro che sei nei cieli,

dacci oggi il nostro pane quotidiano…

fu generoso, o madre, il tuo seno di latte,

rimettete a noi i nostri debiti

come noi li rimettiamo ai nostri debitori…

io, che saldare mai potrò

il debito dell’amore che tu mi donasti,

io, che debitore  in eterno sarò,

mai chiederò ad un uomo

d’esser mio debitore. E niente

ci possa indurre mai in tentazione…

Padre nostro che sei nei cieli,

per liberarci per sempre dal male

occorre che il mio desiderio,

domani, ricambi il desiderio

che tu hai un giorno esaudito

provando, una notte, desiderio di me.

Padre nostro che sei nei cieli,

amo anch’io la donna che di notte

m’ama come te che m’amasti

dell’amore più puro. Or nessun mal

nel mio cor potrà più s’insinuare…

Annunci