LA CADUTA DELL’ANGELO

Livido, bianco, spaventato, furente, ferito, sconfitto. Sullo spuntone di roccia acuminato della sua disfatta, l’Angelo del Male giaceva schiantato. La roccia aveva tremato, la terra si era ritratta, il mare si era ritirato, l’aria s’era aperta, il cielo squarciato, le stelle rabbuiavano. Solo le tenebre, dappertutto, nel mondo ancora non creato, sembravano gioire in silenzio….

GENESI

Da sempre era il Nulla. Eterno e persistente. E dal Nulla sorse, sorprendente, l’aurora boreale. Fu la prima, densa e rosa. Dolcezza d’un tiepido rossore che, lento, s’avvampò nell’intimità del Cielo vuoto. Fu un montare, inarrestabile, d’inquieti istinti naturali. Una rugiada, fresca, un bacio capriccioso. Il bocciolo rosa, nel vivo oscuro caos, s’offrì al bagno…

AD ASTRA

Su, sali lassù. Più in alto. Su, ancora più su! Non vedi che corre più forte, adesso, quel sole? E le stelle, nel cielo, non si son fatte più belle? Dai, ascolta. Non senti come bussa forte nel petto il desiderio? La voglia, ora, impetuosa t’afferra, si fa prepotente. E allunga la mano, allora, per…

ALLEGORIA (Una storia, p. 8. Epilogo)

Era un mattino d’autunno, quando Salvatore fu seppellito. Come era stato un mattino d’autunno quello in cui un seme d’angelo fu piantato nel corpo di Maria. La terra fertile, inesauribile fabbrica di vita, d’autnno si spoglia lentamente, rabbrividendo, dinanzi al soffio che scompiglia le chiome frondose che arrossano. La terra è l’elemento che genera la…

DIES IRAE (Una storia, p. 7. Fine)

Naturalmente, la storia dovrebbe avere una fine. Trattandosi di una specie di evangelo, le sorti dei personaggi dovrebbero essere predefinite. Salvatore, 13 anni dopo il suo ventesimo compleanno trova la sua croce che lo aspetta. L’ha cercata a lungo, per ogni dove. Sempre inconsapevolmente. Chissà quale crudele scrivano ha messo la parola fine sotto alla…

LA COLPA E IL PECCATO (Una storia, p. 6)

Quando è giunto il momento che una nuova vita debba venire al mondo è tutto un concentrarsi di energie nel creato. Nel cosmo infinito e nel mondo degli uomini. Sono queste, queste energie che si concentrano nell’attimo fatale. Sono loro a stabilire e determinare il momento in cui una nuova esistenza può venire al mondo….

SALVATORE (Una storia p. 5)

Salvatore lo conoscete. E’ un ragazzo come tanti. Proprio oggi fa vent’anni. E’ il suo giorno. La vita festeggia il suo anniversario. La sua venuta al mondo, la sua incarnazione, l’inizio di una nuova era. Chissà se lui ci pensa a cosa vogliano dire parole così importanti… “venire al mondo”! Per lui oggi è solo…

MARIA (Una storia p. 4)

Il demonio può avere molti volti e sa nascondersi sotto tante vesti diverse. E’ una maschera, forse, un trasformista, un attore di varietà. Ma se lo chiamiamo demonio, una ragione ci sarà. Nel caso di Maria e del suo mondo di periferia il senso che il demonio porta dentro la nostra storia è, senz’altro, l’inferno….

INNOCENZA (Una storia, p. 2)

Il corso impetuoso del tempo non si ferma. E’ inarrestabile, come la corsa di un fiume in piena. E neanche il corso della giustizia. E’ impietoso e sanguinario. I poveri resti di Maria stanno ancora lì. Buttati. A terra. Stracci senza storia. Sotto la panchina. Nel piccolo prato sotto al muraglione della metropolitana. I grandi…

STORMIRE DI FRONDE (Una storia, p. 1)

  Lo stormire delle fronde, nell’ombra serale, stasera è un ansioso ansimo. Il tempo si scrolla di dosso colpe e peccati. La fuliggine novembrina attutisce i tremiti delle tardive foglie ancora aggrappate a un ramo degli alti alberi arrugginiti d’autunno. Malferme, stanno, frementi, in attesa di chissà chè. Infine, con un ultimo fremito d’agonia, si…

PASQUA

a Il modo più bello e generoso per ricordare ciò che è legato all’idea della Pasqua, per me, sta nei versi che Rilke ci ha lasciato, dedicati alla discesa di Cristo agli inferi. Separatasi l’essenza del figlio dell’Uomo dalle spoglie mortali, comincia il viaggio della coscienza del Figlio di dio. Finito di vivere, davanti allo…

A CHI MI GENERO’

Padre nostro che sei nei cieli… e tu, madre nostra …  a voi che siete tutto, per noi, sulla terra, innalzo questa preghiera. Padre che mi hai generato  della stessa sostanza del padre, sia santificato il tuo nome … Ave a te, o madre, Maria, madonna, piena di grazie. Tu, prena, la vita mi desti …