SERA DI PIOGGIA ASTRATTA

2015-02-24 18.24.23

Photo by Pierperrone

Tic.
Verde.
Con gesto secco schiaccio l’acceleratore.
E la velocità ruba tutto lo spazio alla vita.
Tac.
Giallo.
Gioca col tempo, l’interruttore, prova i riflessi.
Tic.
Una goccia, sul parabrezza.
Un’altra, una folla, uno scroscio.
Tac.
Verde.
Vado, saluto.
Tic.
Giallo.
La luce, come un interruttore: apre e chiude il flusso della vita.
Tac.
Verde.
Dallo specchietto, spio il corso del tempo.
Fugace, alla rovescia, vedo il mio film alla moviola.
Tic.
Giallo.
Occhi di gatto mi schivano, agili,
Tac.
Rosso
Fredda, la strada, lucidamente mi fissa.
Tic.
Verde.
L’istinto m’investe.
Il mondo tutt’intorno impazzisce.
Tac.
Giallo.
Viscido, sull’asfalto rallenta il fiume di occhi.
Tic.
Rosso.
E resto, nel buio, a fissare la luce.
Ferma, lassù…
Immobile…
Terrorizzata, resta a fissarmi…
Tic.
Verde…
S’ode lo sparo…
Un tuono lontano…

6 thoughts on “SERA DI PIOGGIA ASTRATTA

  1. Una notte di pioggia, la strada bagnata, i semafori… tutto sembra diventare nemico di chi guida, perfino la luce ha paura…
    Ed ora anche i tuoni…

    Mi piace

  2. Poesia ritmata, bella…e bello soprattutto quel finale…
    Mi piace l’atmosfera della strada e del traffico quando piove di notte o di sera. Nonostante la confusione tutto sembra dilatarsi e ti lascia spazio anche per i pensieri, Di giorno invece, anche se piove, non succede la stessa cosa, almeno a me.
    Ma mi pare ci sia altro oltre le suggestioni delle luci, della pioggia, della sera. Quel semaforo mi dà tanto l’idea di una metafora: il quotidiano che ci a volte sembra travolgerci, l’eterno correre, verso cosa, non si sa, l’ansia, i formalismi a cui tutti siamo costretti e poi finalmente…anche le pause, seppur brevi, in cui diamo spazio a noi stessi. Non so… a me viene di leggerla così.Ma forse sono solo flash,semplicemente colti e descritti con il ritmo che loro stesso hanno imposto.
    Mi piace molto: è un ritmo naturale quello che in cui si srotola questa poesia.
    Ciao Piero, un bacione🙂

    Mi piace

  3. Cara Fausta,
    ho rubato le foto al buio della sera mescolato con la pioggerellina fastidiosa che bagnava l’ombrello e la strada ma non convinceva proprio per niente.
    La fotocamera del telefonino è scarsa, col buio, e quindi ho dovuto truccare molto le foto.
    Ma sono venute opere astratte, giocando con gli effetti speciali.
    E quella musichetta sospesa, ci stava troppo bene!
    Un caro saluto,
    Piero

    Mi piace

  4. Mia cara Patrizia,
    ognuno che legge arricchisce il contenuto con quello che sente, specialmente se si tratta di parole in libertà, come quelle qui sopra.
    E’ bello per questo ricevere i commenti… per sapere l’effetto che fa.
    Io non giro molto in macchina, in città, fortunatamente, dico, perchè qui a Roma quando piove diventa una tragedia, per di più pericolosa oltre misura.
    Ma mi piace molto guidare.
    Ho fatto, nella vita, migliaia e migliaia di chilometri, con la macchina, andando in giro.
    In questo periodo, qui in Italia, però, non mi piace più per niente.
    E’ diventato folle seguire i limiti di velocità, la mancanza di segnali, le strade distrutte (che dire dissestate sarebbe fargli un complimento), i pazzi scatenati al volante, e quelli che neanche le conoscono le regole, perchè si sono comprata la patente, e infine i tanti … rinco…
    Anche a Roma, per molti anni, ho dovuto guidare nel tragitto casa-lavoro e viceversa.
    Sono stati anni allucinanti!
    Un’ora e mezzo, quasi, per andare e circa lo stesso per il ritorno.
    Tanto che abbiamo comprato casa da un’altra parte, in città, e ce ne siamo andati…
    Dove sto adesso, nella zona di San Paolo-Ostiense, un pò più in centro rispetto al’EUR (sud della città), ho molti mezzi pubblici, soprattutto la metropolitana, che è una salvezza.
    Prima, in zona Cassia, ma fuori dal GRA, avevo tanto verde, intorno, una campagna bellissima di prati e collinette, ma tutta recintata e padronale, e soprattutto perennemente avvolta nelle spire di un mostruoso serpentone di automobili sempre affamato di macchine…
    Lì, sulla strada, però, quando si guida in relax, oppure quando si digrignano i denti e si sbotta come nevrastenici per il nervoso che non si riesce a reprimere, comunque corre la vita, fatta di mille grovigli di pensieri, che le condizioni del traffico rendono, a volte, scorrevoli, a volte ingarbugliati ed inestricabili.
    E quelle luci dei semafori, lassù, distanti e incomprensibili come ufo, moleste o consolatorie, familiari come parenti serpenti…
    Irremovibili e puntualmente antipatiche…

    Così, per finire, la guida migliore è quella di Napoli: le sai le regole del semaforo?
    Le ha spiegate il grande Luciano De Crescenzo in un film.
    All’incorocio, col verde, devi rallentare, perchè potrebbe venire qualcuno dall’incorocio a tutta velocità.
    Con il giallo, ti devi sbrigare, che quelli di dietro s’incazzano se gli fai prendere il rosso.
    E con il rosso, invece, non ti devi fermare mai: quello di dietro ti potrebbe venire addosso e farti male assai!
    E in parte, tutto ciò è vero !!!
    Provare per credere.

    Un abbraccio,
    Piero

    Mi piace

  5. una miscela cromatica che sorprende, un susseguirsi di tonalità dai contorni curiosi rendono figure contorte. Le nuove forme si espandono e liquefano i colori che assorbono la musica donando una melodia distratta dal gioco delle luci.
    La magia della città che l’artista interpreta con i suoi sensi e regalarci le immagini per catturare anche i nostri sguardi.
    Piacevolmente rapito!
    Un caro saluto
    Francesco

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...