A GIOVANNI MANZO, PENSIONATO ALFASUD

Photo by Pierperrone

Photo by Pierperrone, Torre Annunziata (NA), 2 novembre 2014

Io vuleva dicere quacche cosa, primm”e ve lassà.
Ve vuleva fà ‘na specie de discorzo.
No, no, stateve tranquille.
Nun voglio fa’ ‘nu cumizzio, i’ nun song nisciuno; e po’, chille, ‘e politice, chille ca facevano mille cumizzie, ai tempi mieie, quando ce s’accideva pe’ ll’idee politiche, e che facevano millant’ancora prumesse, quann’hanno capisciuto che in piazza non c’era più spazzio pe’ nisciuno, chille, ‘e policie, se so’ truate annure, disarmate, sule sule… senza cchiù nisciune ca’ ‘i stà a sentere nisciuno cchiù ce crere a chelle buciarde…
Ogge, nun ce crede cchiù nisciuno…
Ma nunn’è stato semp’accussì.
Nuje, si nuje, ‘na vota, eravamo tante, e tante cà jenchivamo chiazze e vije…
Tenevamo ‘na bella bannera rossa ‘ncapo..
Eravamo certi, sicuri, che avremmo conquistato il mondo!
E mo’?
Mo’? Stamme sule, chiuse ‘ncasa, rattristati, contristiti, sulitarie…
O’, ma nun voglio manco fà ‘na lezzione, i’ song’alfabetico…
E’ che, mo’, mo’ che me songono venute a chiammare, mo’ m’è venuta ‘na malincunia, n’appucundria ‘e murì…
E ve vulesse raccuntà.
I’, cu”e parole mie, comm”o sento ‘rint”o core.
Ve vulesse arraccuntà, ve vulesse fa’ vere’ tutto chello ch’aggio visto io ‘int”a vita mia!
Ie, int”a vita mia, ‘n’aggio viste tante.
Aggio cumbattuto mille battaglie.
Aggio canosciuto famme, dolore, solitudine e ppaura.
Ma aggio canosciuto anche la speranza, che ca ogge s’è perduta, sperduta mmiez”a stu deserto cu’ mmilioni d’abbitanti sulitarie…
Ie aggio camminato mmiez”a mille uerre, una, una sola, è stata chella vera… cu’ ‘e bombe, ‘s scoppettate, ‘e muorte, ll’ammuina e la miseria…
Ma anche tutte le altre, chelle… chell’ ‘e tutt”e juorne…
Chelle che s’anna cumbatte pe’ campà.
Ma mo’ me sto pe’ arritirà.
E’ arrivato il congedo definitivo.
M’hanno fatto sape’ ca ‘stu surdato deve finire il servizzio.
Devo smontare.
La sentinella ha finito il turno…

Io vulevo dicere quacche cosa, primma e ve lassà.
Stamm’ a chesta bella tavulata, ‘sta festa, oggi, ca vi volevo salutare…
E allora vi volevo dicere ca…
Emebè?
Mo’ me state a ‘uardà cu’ ‘st’uocchie spalancate, curiuse, appaurati…
No, oggi voglio raccontare sulamente chello ch’aggio visto, chello che stongo pe’ lassà.
Oggi stamme tutte quante sedute assieme, alla stessa tavulata.
Parimme tante, ‘na folla.
Simme tante, fratelli, sorelle, cumpagne, amice…
Parimm’ overamente ‘na folla immensa… comm’a chelle e tant’anni fa…
Ma oggi, invece, i’ me sento sulo.
Aggio passato l’anne, e cchiù tiempo passava chiù me songo sentito sulo.
E’ figli miei, chille, tutt’e quatto, se songo ammaritati.
Hanno avuto fortuna, hanno studiato e hanno truvato ‘nu lavoro.
Chi ‘ccà, vicino casa mia, alla scuola, chi cchiù luntano, a Roma, nella capitale, al Ministerio, lavora per il Governo; n”ato s’è laureato, ma nun’ha truvato mai ‘nu lavoro vero.
Faceva l’artista, voleva fare l’attore. E’ andato in giro per tanti anni, e poi, un giorno, quanno nun sapevamo neanche cchiù quale era il suo indirizzo, ha bussato al campanello…
Ddriiinn… mamma mia bella, sento ancora quella scossa r’int”e vvene! E che gioia, che ssangue, rivedere il figlio mio!
Con la mogliera e un figliolino in fasce…
Cercava pane pe’ chell’anema bbeata, ‘na casa, ‘nu ppoc”e pace…
E ie gliel’aggio dato.
E che annema, che pozzo vulè cchiù d”a vita mia?
L’urtima, pò, a figliulella bella mia, quella se n’è gghiuta luntano assaje, appriesso ‘o marito, a cercà furtuna al Nord.
E dice che l’aveno truata.
Prima aveno lavorato in fabbrica.
E poi si hanno aperta una fabbrichetta lora.
Ma nun saccio si songono felice.
Stanno sempre ‘mpensiero, appaurati, preuccupati, comme se il mondo si volesse mangiare la ricchezza lloro…
Ma a me, a me, m’hanno lasciato sulo.
All’inizio lavoravo ancora, all’Alfasud, anche dopo la penzione, quando mi hanno fatto fare il guardiano, per quacche tempo, nun m’arrecordo…
E i giorni mi passavano.
A casa, pò, ce stava ‘a mugliera mia, chella santa donna.
Ma chella, alla fine si è stancata.
Sono stato ‘n’ommo pesante assaje!
E accussì se n’è andata.
E mmo’, ‘o’vvire, ‘mmo’ ‘a vac’a truvà.

Nunn’è bello ca stammo tutte quante ‘nzieme ‘a ‘sta stessa tavulata e pare che manco ce cunuscimmo, aggirammo ‘a faccia a chell’ata parte, facimm”e scorrucciate, gl’indifferenti…
Per esempio, stamme ‘e casa ‘dint”o stesso casamento…
Sette piane chine chine ‘e femmene, uommene, guagliune e guaglincielli.
‘Nu munno intero intero.
Ce stanno quatt’ o cinch’ famiglie mussulmane.
Songo ‘nu poco strane, ma ‘e femmene lloro songo educate assaje, cum’erano ‘e guaglione a”e tiempe meje.
Se mettono ‘u fazzuletto ‘ncapa, uardano sempre ‘nterra, nun se fanno foje…
Brave, so’ bbrava ggente.
Molto timorati di Ddio.
E po’ chill”ate, l’indiane?
Quanne songo? Sei, sette, forse?
Forze nun songono tutt’indiane. Ce stà chi dice ca vene da ati paise, nomme strane, ca io manco cunosco. Ma songo tutt’eguale, s’assomiglieno tutte quante, tenen”a stessa culurazione, ‘o stess’ addore ‘e puvertà, ‘a stessa miseria ‘ncuollo…
E po’, po’ ce stanno chille culurate ‘e zafferane, gialle scure, cinisi, cureani, giapponesi…
I’ l’aggio canosciuti sulamente a’ ‘o tiemp’ d”a uerra certe signure accussì strane, ca nun ridono maje, serie serie, parono semp’ ‘nacazzate…
Ma no, mo’ me so’ sbagliate, ‘e giapponesi se so’arriccute, ‘ccà nun ce pozzono stà ‘e casa…
‘Ccà, nuie simme tutte quante ggente squattrinate, simme tutte senza sorde.
Gappunise nun ce ne pozzono stare in questo casamento.
…Eh?
No, no.
‘Ccà nun simme muort”e famme.
Nun ‘nce stanno pezziente, barbune, accattune, mendicanti…
NMa no, macchè!
Che cazze state dicenne!
‘Ccà tenimme tutte quacche cosa.
I’ tengo pur”a penzione, a penzione.
‘A penzione ‘e ll’Alfasudd!
Aggio faticato quarantacinque anni!
Si, si, ‘o ssaccio, è ppoc’, me mancavano l’anne ngopp”o libbretto. ‘A Previdenzia Sociale però, m’ave riconosciuto ‘o stesso la penzione; chille, l’Alfaromeo, quanno venettero d”o norde pe’ aprì ‘a fabbrica, ce mettettero a tutti’e marchette.
Ma i’ aggio faticato sempe, anche quann’ero racazzino.
Allora, andavo a fare quacche cunzegna, quacche servizzio, e… pure quacche servizziello, pure chelle sapevo fà…
E ssì, me l’aggio duvuto ‘mparà pè ccampà!
Po’ tenco stipato pure quacche liretta, ‘nu ppoco ‘e rrobba annascusa, che nun vulesse raccuntà qquà, pecchè songo cose di famiglia.
E tengo pure ‘nu piezz”e terra ‘ncoppa ‘o monte Faito…
Certo, songo tanti anni che nun ce so’ gghiuto cchiù, mo’, adesso, sarà addiventato tutte sterpune e everaglia… Ma sempe ‘na pèruprietà resta, no?
‘N’eredità pe’ ‘e figlie miei!
Accussì, pe’ ddì che nun simme tutte muorte ‘e famme!
Chille, pure l’indiane, saccio teneno ‘na terra, ‘o paese ‘lloro.
Me l’ave raccuntato chillo sicco sicco c’abbita ‘ncopp’ a mmè.
Dice che lloro stann’ sempr’ a faticà, int’ ‘a ‘na puteca, venneno frutta e vverdura, abbascio, fore ‘o vico.
Ma dice che sono figli di prencipi.
Solo che la terra lloro è povera, nun’ è comm’a qqua!
Accussì m’hanno arracuntato…

… Ma mo’ me so’ stancato…
Si, si, ho finito.
Vi ho raccontato quello che vi sapevo raccontare.
I’ nun song’allitterato.
‘Ccà, ngopp’ ‘o manifesto ‘e muorto ce sta o nomme mio!
E allora è giunto il tempo mio.
Mo’ vi debbo salutare.
Ho finito di faticare.
E’ venuto il momento mio, finalmente !

2 thoughts on “A GIOVANNI MANZO, PENSIONATO ALFASUD

  1. Giovanni Manzo, anima semplice e gentile…. l’avranno ascoltato? A volte penso che le nuove generazioni non abbiano interesse per i racconti di un passato che non conoscono…

    Mi piace

  2. E chi lo può sapere, carissima Fausta?
    Speriamo sia stato felice, almeno, o sereno, diciamo così.
    Mi colpì molto quell’annuncio mortuario, sembrava uscito da un film di De Crescenzo, e invece era reale.
    E così gli ho dedicato un pensiero.
    Un salutone,
    Piero

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...