MASCHERE DI OGGI

4 thoughts on “MASCHERE DI OGGI

  1. Eccola, è qui “la grande bellezza”…. foto stupende e colori, istanti, sensazioni, sentimenti, cuore di un popolo che torna a vivere come un tempo. Queste sì, sono maschere da ricordare,maschere che riportano in vita l’orgoglio e la grandezza di una terra stupenda e dura….
    Ora purtroppo tanto spesso le maschere non si distinguono più dai visi di tutti i giorni e coprono la doppiezza dell’uomo…..

    Mi piace

  2. Si, hai ragione, oggi le maschere hanno rubato il posto alle facce vere.
    La cosiddetta civiltà della “comunicazione” ha creato questa divisione incolmabile fra come appare all’esterno un oggetto, una cosa, un sentimento appare e ciò che, invece, realmente è.
    Ma, al di là dello spaesamento che questo ci provoca – spaesamento che poi spesso sentiamo come disagio, o peggio, come sofferenza o alienazione – credo che dobbiamo fare lo sforzo di saper guardare sotto lo strato superficiale delle cose.
    Intendo dire che, come ci siamo abituati alla realtà del sole che sorge ad levante e tramonta a ponente perchè è la terra a girargli intorno facendogli la corte – ma prima di Galileo eravamo certi che fosse l’incontrario, e che fossimo noi ad essere corteggiati dall’universo che ci ruotava intorno – così dobbiamo abituarci anche a questa sofisticheria della realtà, che si mostra in un modo – piacevole o no, non è sempre certo – ed invece è realmente qualcos’altro.
    Ci lascia spaesati questo presente “double face”, ma lo abbiamo già accettato per i soprabiti, no?
    Il pregio di un soprabito, infondo, poi, non è proprio quello di mostrare qualcosa in più, pur lasciandoci la certezza che “sotto” c’è qualcos’altro da ammirare?
    Il gioco tra i visi e le maschere spesso è dolorosamente perverso, lo so (insomma, l’espressione è un pò esagerata, diciamo “letteraria” ma nel senso negativo).
    E forse è per questo che mi piace fotografare i volti sotto le maschere: quando (ma in queste foto non capita spesso, forse mai) si riprendono gli occhi, in quei due buchi profondi che sprofondano nell’anima, io mi perdo, mi pervade un brivido, perchè sento che ho “catturato” qualcosa di intimo, oltre il gioco “maschera/volto”.
    Queste foto sono della festa, molto bella.
    Ho cercato di dare un pò di movimento a quelle immagini scattate da lontano… sono contento ti siano piaciute.
    Un abbraccio
    Piero

    Mi piace

  3. Guardare sotto le maschere….sì, io cerco di farlo, sperando che ne valga la pena. Sicuramente in ogni uomo c’è una “faccia” segreta e nascosta che la paura non fa uscire alla luce del sole. Nonostante tutto quello che ho visto continuo ad avere fiducia nell’uomo (uomo/donna ovviamente)

    Mi piace

  4. Non è solo una questione di fiducia – o, se vista dall’altro lato – di coraggio.
    E’ anche qualcosa che ha un suo appeal, un fascino irresistibile.
    Almeno così è per me.
    Non riesco a resistere.
    Davanti ad una maschera (qualsiasi cosa significhi quella parola, o qualsiasi metafora si nasconda dietro quello schermo) non riesco a non guardare sotto!
    E’ un’attrazione a cui non so resistere.
    Forse un pò maniacale, anche, te lo passo.

    Un abbraccio,
    Piero

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...