PASSIANNO CU’ MUSETTA

Photo by Pierperrone

Photo by Pierperrone

Quanno me ne vaco passianno pe’ ‘e vvie me pare che quacche cosa me piglia ‘rint’ ‘o core.
Chiano chiano ‘o ssanghe s’accummincia a ‘rriscaldà.
‘E piere vanno…
Manco sanno addove…
E ll’uocchie s’abbicciano e se fanno duje fanale diritte rint’ ‘all’oscurità d’ ‘o ghiurno che s’aiza senza sapè pecchè.
Chiano chiano pare che s’abbiccia quacche cosa, ‘rint ‘ o core, ‘nu fucariello, e pure si nunn’è ‘vierno, pure si nun fà friddo e nun tengo ‘e mmane strente ‘rint’ ‘a sacca, me pare ca ‘nu sole piccirillo se mette a lucià diretto ‘ncopp’ a mmè.
Nunn ‘o ssaccio dicere, nunn ‘ o ssaccio ‘o pecchè, ma quanno vaco passianno liberamente, pure ‘a luce ca lava l’oucchie e appulizza ‘o cielo pare cchiù lucente, ‘nu brillante luccicante, ‘nu smeraldo rubbino.
Pare che stongo ascenno da ‘na priggione, pare che so’ resuscitato.
Pure Lazzaro s’avette sentì accussi, quando Ggesùcristo ‘o scetaje, chella vota.
Pure Lazzaro, chella matina, s’aizaje d’o lietto duro duro e friddo e s’abbijaie pe’ ‘na via che s’era scurata ‘nzieme ‘a isso quanno venette ‘a malattia…
Pur’isso s’savette sentì accussì, cumm’ a mmè, comme me snet’io stammatina, appena me so sussato.
‘Nu sanghe cavuro cavuro ca curreva.
‘Na gucciulella ‘e sudore che scenneva p’ ‘a fronte.
‘Na frenesia strana.
‘Na voglia ‘e se ne jì senza manco sapè addove.
A mmè me piacciono chelle vvie ‘addò nun ce stà parecchia ggente, ‘e vicarielle stritte striite addo’ staje sempe comm’a casa toja, oppure chelle piazze quadrate, strente, abbracciate da quatto casette vasce, cu’ ll’uocchie sempe spalancate ‘ncopp’a via, che quanno te ne vai passianno puoie uardare rentro le finestre, mirare li fiure russe de ggeranio grasse pure quanno è vvierno ggelato.
Quanno vaco passiammo rento alla capa mia ggirano mille penzieri.
Nun stongo mai sulo veramente.
Cu’ mmè ce sta sempre quaccheruno.
‘Nu penziero, ‘na fantasia, ‘n’immaginazzione nfuculata, ‘nu curre curre, ‘nu serra serra…
Spesso, assieme a mmè, ce sta na guagliuncella fresca, allera, bella, doce…
‘O nome suojo, veramente nun ge ll’aggio maje addummandato.
Ma essa cammina sempre appriess’a mme cumm’a ‘na fidanzata ‘nnammurata, pure se me mett’ ‘appaura ‘do ‘o ddicere, pure si essa i’ nunn’a canosco overamente.
Tene ‘e capille nire.
E’ alta quanto ‘a ‘na guaglincella, tene due scocche rosse ‘nfaccia, ‘na vucculella ca pare ‘na cirasa, dduje uocchie nire comm’a dduje spilli, due zizzelle picculelle, due gambette ca parono due stecchette, ‘na gunnellina cha sfrunzuleja chiammanno qquà e llà tutt”e guagliune d’a vvia.
Io gl’aggio messo nome Musetta, ca cussì me pare c’ ‘a putesse quasi acchiamare, fermarla per dirglie quacche parulella, stare ‘nu pucurillo ‘nzieme, passeggiare come fanno i fidanzati veri, quelli che si vogliono bbene da tanto tempo…
Aggia dicere ‘a verità, chella, Musetta, nun se stà ‘nu mumento ferma.
Corre, zompa, saltella, tarantulea, tène l’argento vivo addosso.
‘E capille nire nire me parono ‘e velluto, ‘e seta lucente.
M’incanto a guardarla mentre pare ‘n’aucielluzzo felice che vvola accà e allà.
‘E cchì a pò trattenè!
Poi aspetto, pecchè ‘o ssaccio, priesto o tarde essa se stanca, quanno arrivammo adderet’ ‘o giardino d’a ‘a cchiesa.
Llà Musetta se vota, me uarda sott’uocchio, pare quasi che me fa ‘na mussetta, ‘nu surriso, ‘nu signo annascuosto.
Po’ s’assetta ‘a nn’angulello, ‘ncoppa a ‘nu sedile viecchio, ‘na preta janca, ‘nu marmo antico, ‘nu spuntone ‘e ‘na vecchia culonna spezzata ‘nterra ‘a chissà quale disgrazzia…
Llà, ‘o ssaccio, essa, Musetta me sta aspettanno.
Se ferma percchè ‘o ssaccio, essa me vò bbene, aspetta a mmè per me ddicere ca me vò bbene!
E comme m’ ‘o ddice?
Penzate ca chella s’avota, me uarda e cu’ cchella vucculella ‘e rosa me dice. “‘Ohinè, povero viecchio, tu’ si’ l’ammore mio!”?
“Tu, ca te ne vaje giranno accà e allà cumm’a ‘nu viecchio pazzo, sì ‘a stella ca stà ‘ncielo pe’ mme'”?
“Io smanio per sentire le mani tuje addosso a mmè!”?
No, no, io ‘o ssaccio.
Cheste so’ fantasie malate.
Sogni disperati.
No.
Chella me vo’ bbene overamente.
Musetta m’ave scelto pe’ sempe.
I’ songo ll’omo suojo.
E che me ne ‘mporta a mmè si essa vo’ bbene pure all’ate uomnmene?
Che, io putesse accampà diritti ‘ncoppa ‘a ‘na stella del firmamento comm’a essa?
Io me putesse murì, essa, Musetta è libbera, è come il vento, nisciuno ‘a pò acchiappà pe’ sempe.
Io ‘o ssaccio e accussì vivo felice, pecchè Musetta, quanno s’assetta ‘ncoppa a chella preta janca, stà llà sulamente pè mmè.
E me piglia ‘a mano, dòce e leggiero comm’a ‘nn’auciello, e se mette a faccella ‘a guaglincella suratella suratella ‘rint’ ‘a palma mia, e cu’ chella vucculella ‘e piccerella cumm’a ‘n’angiuletto scennuto dal cielo, accummincia a raccuntarmi le sue storie cu’ ‘na vucetta ca sulo ‘o core mio po’ senti’.
Storie ca vengono da luntano.
Storie d’uommene, femmene, ddie, fiume, città, luntane e vicine…
Storie, fantasie, ca parono poesie.
E poesie songono le parole suoje.
Soffi di vento tiepido.
Addor’ ‘e ciure.
Raggi di sole.
Tempurali ca passano mente stammo stritte stritte accussì ‘rint’ a chill’anguletto adderet’ a chiesa, rint’ ‘o ggiardine c’addore de’ ggelsumine d’a primmavera opuramente della pioggia pesante dell’inverno…
Io, llà, cu’ chelle manelle strente culle mie, addivento felice.
Il cuore mio si riscalda.
Puro si fa friddo.
Musetta io ‘a voglio bbene overamente.
Chelle storie ch’essa me conta mentre stiamo stretti comm’ a dduje ‘nnamurate songono paggine del mio libro, giorni della mia vita, raggi del suo sole che danno luce alla notte mia…
Musetta…
L’avisseva vedè…
E chi s’ ‘o pensava che ‘nu povero viecchio comm’ a mmè potesse truvà ‘na furtuna accussì grande.
Pozzo pure murì, pramaje.
Aggio visto tante ‘vote nasce ‘o sole adderet’ ‘a muntagna che nunn’ ‘o saccio cchiù cuntà.
Aggio visto fioreggià l’arbere e murì chilli ciure, comme curreno le primavere e pesano li vierni.
Ma nunn’ ‘e pozzo cchiù cuntà.
Uttanta?
Nuanta?
Ciento?
‘E nummere nunn’abbasteno, manco servono a tenere ‘nu cunto accussì, pe’ mmè.
Io domani non ci sarò cchiù.
‘O ssaccio.
Ma Musetta nun mmo ‘o ffà pesà.
M’abbasta ‘na parola suoja.
‘N’ata sturiella.
Io nun cerco ‘ato.
M’abbasta ‘stu ‘ppoco.
Sulamente che v’ ‘o pozzo arraccuntà, che pare ch’essa mo’ sta accà, assettata affianc’ a mmè.
E me pare d’ ‘a sentere chella vucella prufumata…
Pare che me sento ‘nu vaso suojo…
Comm’è doce ‘na passiata accussì…

2 thoughts on “PASSIANNO CU’ MUSETTA

  1. Grazie, Fausta.
    Per me è una lingua che ricorda la gioventù.
    Un modo di esprimermi istintivo e meno razionale.
    Chissà se lascia passare qualcosa di più … inafferrabile?

    Piero

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...