OMBRE

Photo by Pierperrone

Photo by Pierperrone

In un attimo, distratto, mi volto,
e in cielo, d’un tratto, si compie
il misfatto. Vorace stormo rapace
cala di scatto. Un nero battito s’ali,
s’abbatte. Uno scatto. Un palpito
d’aria vibrante, un vivido guizzo.
Svanisce l’azzurra coltre compatta
e le candide onde di nuvole piatte.
Maledetta, nella sera, smuore la luce.
Stinge. Si spenge. S’accosta veloce,
l’ombra scura, notturna. Incerta,
svagata, l’anima il tratto smarrisce,
la rotta. Silenzioso, il corso del giorno
sfuma in un’angoscia smarrita, scuretta.
Un vortice oscuro, un’incerta smania
d’abisso. O luce rapìta, che cerchi
d’oriente la via, al mattino. Infine,
nel vasto mare profondo sprofondi.
Disfatta nel nulla. Muta. Dissolta.
Misteriosa, morte improvvisa del sole
un fato stupìto ti trae nell’oscuro
regno dei mostri, che, affamato, s’apre,
spalancato sopra di te. E ora t’inghiotte.

4 thoughts on “OMBRE

  1. Bella foto…strane visioni…questo sole mangiato, scomparso, per un po’ preda di un altra dimensione. Poi si libera e torna ogni volta. Sarà lui che lo vuole o chi lo imprigiona lo lascia libero per pietà di noi?. Scusa…è solo una visione…
    Abbraccione🙂

    Mi piace

  2. Visioni, Patrizia mia. Ognuno come le vede.
    Il sole scompare ogni giorno.
    Muore?
    E poi rinasce?
    Viaggia?
    Moriamo quando lui scompare e risorgiamo quando lui ritorna?
    Le tenebre mangiano la luce?
    O la luce si mangia le tenere?

    Se non temessi di ricordare quello lì che a notte fonda diceva “fatti una domanda e datti anche una risposta”, continuerei con le domande.
    Ma, che importa, amica mia?
    Che regalo migliore possiamo avere di queste visioni/domande?

    Bacione
    Piero

    Mi piace

  3. In questi giorni stormi immensi di storni riempiono il cielo di Firenze e sembra vogliano distruggere tutto quando scendono in basso….li vedo sfrecciare davanti agli occhi e fanno un po’ paura….poi si alzano e sembrano danzare formando disegni nel cielo!
    Non c’entra con la poesia ma me li ho collegati alll’immagine

    Mi piace

    • Si, anche qua a Roma.
      Sembrano nuvole nere.
      Sciami di alieni.
      Nuvole di insetti…
      Incutono timore, inquietano…
      Anche perchè arrivano quando arriva la sera e scendono le ombre.
      In quel momento, sempre, nel cuore sembra spezzarsi qualcosa…
      Ma sono uccellini.
      Uccellacci/uccellini…
      Come Pasolini mise titolo ad un film.
      Ma quelle ombre, quei guizzi, quei tremori, timori, temori, tremiti e spasimi… attraversano le nostre vite…
      La poesia non parla forse di questo?
      Un altro caro saluto (oggi mi hai dedicato tanto tempo e tanti commenti! Non mi viziare)
      Piero

      Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...