LA CROCE

Il re vuole il morto.

Gli serve, gli serve una guerra, una catastrofe, un grande appauramento di tutta la pupulazione!

Gli serve.

Ca isso sta murì.

Isso co tutt’ ‘e ministe suoje stanno murenno!

Tutta la pupulazuione ‘ossape, ormai, c’ ‘o ‘rrè è fernuto.

‘O ssanno tutte quante ca ‘e ministe songo tutte mariuole.

Ma chille, e ministe, se vestono tutte quante bbuono, cull’abbiti ‘a la frangese, le scarpine ‘nglese e ‘o cappiello cu ‘i pennacchiette ncoppa.

Ma fanno rirere vestite tutte quante accussì.

E invece isse se penzano ca songo tutte quante ‘e meglio vestute.

Se fann’accumpagnà ‘de’e guardie. Certe marcanotonie ‘e uommene ca nun capiscono nu cazzo, ma pare che chissà a chi vulessero accidere se quaccaruno s’avesse avvicinà a ‘o ministo, o alla ministressa.

‘Essì, pecchè mò c’avimme pure ‘e ministresse.

Tutte zoccole e puttane.

Ma di gran mestiere.

Belle, certo, belle.

Ca parono bambulesse.

Certe musse a cule ‘e gallina ! ‘E zinne ca parono mungfiere sfiatate! Se vere ca nun songono ‘i lloro, ca c’avaranno misso quacche cosa pe lì ggunfià. Opure se li faranno suffiare dalle guardie, la matina, ca a lloro, a le ministresse glie piace lu suffiaturo!

Tanto, ca ne parlammo male, stamm’a dicere sul’ ‘o vvero.

Chelle, ossape tutto o munno, nun capiscano ‘na mazza, cù decenza parlanno, sò chù papere d’ ‘e galline, ma se sape, ‘o ‘rrè c”a mise llà, ‘ngoppa ‘o ministero, perchè gliaevano fatto ‘o serviziello!

Nu vucculone, ‘na pumpatina, na maniata mmiez’e cosce.

Tanto, pò, che ffà, chillo ‘o ‘rrè è nu viecchio rattuso. Je piace ‘e uardà, nu ppoco ‘a tuccà, ma pò, c’adda fà, a chll’età, ‘nu viecchio ‘nzallanuto ca se pisce ‘ncoppe ‘e piere!!!

Ma sapete, a ffare la ministressa ci si guadagna.

Le più sfortunate lui le ha messe a fare le zoccole sopra al comune, oppure gli ‘a recalato l’appartamento, le ospita, le invita alle feste, appalazzo, chelle se spogliano ‘nu ppoco, mieze a chille quatto rattuse tutte vestute a ffesta, se fanno uardà, se fanno tuccà… Tanto chille, l’invitate, songo tutte viecchie cartuccelle cunzumate.  ‘O’rrè, i cumpari suoje, se mettono subbeto apposto, fesse e cuntente.

E accussi, ‘o ‘rre, cu’ e ministe suoje e le ministresse, mò stanne mmieze ‘e uaje!

Tutto ‘o munno mò ‘o ssape ca so tutt’uommene ‘e casino e puttanone, zoccole e contrabbannere.

‘A metressa delle zoccole di alto bordo ‘a cuntato a tutte ‘a verità.

S’a vuluto vendicà.

‘A penzato: ma cmme a chelle zoccolette isso l’a fatte ministresse e a me, che sono la loro tutrice, la loro metressa, a mmè niente? Sulamente l’appartamente?

E mmò je facco veddè io!

E s’è misa a chiacchiarià, a cuntà, a dicere.

A fatto girare la voce.

E a spiegato a tutti il gran mistero.

‘O rre nun s’arrizza !

Pò, aoveramente, è succiesso pure n’ato ‘mpiccio.

‘O rre, dico overamente, nun ce capisce propetamente niente.

Isso penza c’ ‘o munno ggira appiessa a isso, ca se isso vulesse, tutte ricche cavaliere se putessero fà.

E invece la mmerda sta sommergendo il regno e tutt’e l’uommene ce vanno pe’ sotto.

Ormai se songo ‘ngazzate tutte.

Prievute, vescuve e cardinale. Ma chille fanno sulo finta, ca tanto pure a lloro je piace ‘e jenne manianno, guaglincielle e guaglincelle. E ppecchè nnò, pure quacche sventola bbona, cù è zinne toste e le cosce lunghe.

Ma mo se sngo ‘ngazzate pure lloro.

E pure il comandante delle guardie.

E la città, tutta, è diventata una bolgia effervescente.

‘O veramente nun se vere bbuona chesta ‘ngazzatura.

Pare ca se va cercanno ‘o muorto.

Opure ca nun gliele fotte niente a nisciuno.

Ma si è gguarde, chella gente, chelle povere criste, chelle criature ca nun sanno a che santo se devono vutà pè truà ‘na fatica, ‘nu lavoro, si ‘è gguarde rint’ ‘a ‘lluocchie o vvire, chiste stanno proprio ‘ncazzate !

Nun ghiastemano.

Ma sputano ‘nterra come stessero sputanno ‘nfacce ‘o ‘rrè.

Mo, però, chillo, ‘o ‘rrè, s’è miso ‘ncapo che je serve ‘na ‘uerra.

Magari anche piccerella.

Anche solo pochi morti.

Anche nu murticiello sule!

Ma che sia un povero cristo!

Un morto di fame che voleva cospirare contro di lui!

Certo, nun mancheno chille ca stanno pensanno ‘r ‘u ‘cciddere overamente.

Na bbomba.

N’attentato.

Na curtellata quando jesce ‘a rint’ ‘o palazzo pè jire dalle zocccole sue, ‘ncopp’ ‘o casino arint’ ‘o vvico.

Ca mò, ‘o ‘rrè, s’è ‘nfatuato de na povera criatura, na ninnella tanto bella ca pare na povera marunnella.

Porta ‘e capille nire, tene dduje uocchie ca parono n’aucelluzzo innocente, una pecorella da tosare.

Ma tene ‘na vocculella ca pare ‘na cerasa ca te dice… ‘e magname! magname. Che, nun ‘o ssaje ca io abbrucio per tico?

E ‘o ddice tutt”e ssere annanz’ ‘o vicariello.

E te fa signo d’entrare.

Essa pare la dea dell’amore, per quanto è giovane e tenerella, povera guaglioncella.

E chillo, ‘o ‘rre, penza nu poco, che cazzo fa?

Passa di llà e trase !

Isso, viecchio, ca poteress’essere ‘o nonno, ‘o pate ‘ro pate!

Povera guaglincella!

Me la immaggino, annura, senza veli come una madonnella, minuta, cu chillo puorco viecchio e veziuso ‘arint’ ‘o lietto!

M’ ‘o ttengo ‘nnanz’ ‘all’uocchie!

Me fa vvenì o ssang’ ‘ncapo!

E tutte, arint’ ‘o vvico ‘o ssanno!

E stanno aspettando ‘o mumento ggiusto!

Chissà.

Sarà per domani.

Mente jesce dal conziglio dei ministri, pe’ ssè fà cunzulà da Ninnella.

Chissà.

Se la luna s’oscura.

Se si corre a nascondere!

Se la notte si fa nnera, che cchiù nnera nun ze pò…

Quacche guappo se farà ggiustizzia da sè!

Isso, mò va cercanno ‘nu muorto.

Je serve, tene sete, vò bevere ‘o ssang’ pecchè adda fottere ‘o popolo.

Nu delinquente, nu Barabba, nu Cristo.

‘A aizato na croce, diggià, là, nella piazza.

Dove passa tutta la ggente.

‘A misso le guardie, strette, ca pare ch’è scuppiata la guerra.

‘A pupulazione ghiastemma, maledice.

‘E guagliune, disperate e senza cchiù lluce ‘nd’ ‘all’uocchie, vonno strillà, vonno aizà ‘nu ppoco la voce.

E isso che ffà?

Aiza ‘na croce!

Là ci vuole appendere il morto!

Attenti ragazzi.

Il re è disperato peggio di voi!

A isso Ninnella gli asciuga l’uccello ca nun sape vulà cchiù, nun cunosce cchiù la via del nido di casa!

E lo sfotte.

Povero vecchio!

Oi ‘rrè, si ‘nu povero viecchio!

Trallallero, trallalè.

E chillo, ‘lla, ancora annuro, dentro ‘o lietto della dolce gazzella che lui non ha saputo portare a cavallo, c’ ‘a pellecchia moscia ca teneno ‘e viecchie, chiagne ca pare nu criatura c’avuto ‘e mmazzate!

Ma sò llacreme e puorco.

Puzzano.

E allora, se vò vendicà.

Non vuole capire che ‘nu ‘rrè adda essere nzisto, adda fà ‘o popolo ricco, e ‘nzieme cu chillo adda fà grande lu munno.

No.

Isso nunn’ ‘o vvò capì.

Isso si vuole vendicare.

La croce, là in piazza, è già pronta.

E lui sogna il suo povero cristo appeso lassopra.

E sogna Ninnella.

Essa pure, appesa lassopra.

A morire.

Per salvare il suo nome, per salvare il suo regno!

Ma isso, ‘o povero ‘rrè, isso ‘non ‘o sape che ‘ncoppa a chella croce sara isso ‘o primmo ‘a saglì!

Annunci

4 Replies to “LA CROCE”

  1. Caro Piero..speriamo che su quella croce non ci sia nessun povero cristo innocente! Certo..la preoccupazione rimane, chi sente vicina la sconfitta diventa pericoloso..straparla, si agita, è disposto a giocarsi tutto x tutto.
    La preoccupazione è giusto averla, averne cognizione, guardarla negli occhi, pesarla..perchè da modo di proteggersi e difendersi.
    Un abbraccio grandissimo

    Mi piace

  2. Domani sarà un giorno difficile.
    Come anche quello di oggi è stato difficile, anche se per ragioni diverse.

    Da una parte si vede, si legge bene, la rabbia degli esclusi, di quelli tagliati fuori dal domani, dal futuro.
    Una parte di quelli domani saranno in piazza, a Roma e nel resto del mondo (europa ed usa), ma molti altri no, ancora no: gli immigrati, i licenziati/cassintegrati, i senza diritti in generale.
    Chissà, quando si uniranno tutti insieme … vorrà dire che … è passata ‘a nuttata!
    Per ora stiamo nel pieno della notte; domani si vedrà qualche favilla.
    Spero davvero che non siano fuochi fatui, nè fuochi greci. Intendo, nè solo illusori momenti di ribellione, nè illusori scoppi di rabbia.

    L’elemento importante è che un pò di fermento sta animando i giovani in tutta questa parte di mondo. Ma, a ben pensarci anche di là, in quei paesi che non ho citato sopra. La primavera araba ed Israele stanno lì a dircelo. E l’Iran, e chissà altri posti.
    Adesso via internet si sa qualcosa di più.
    Quando si salderanno, quando cominceranno a chiedere le stesse cose sarà un grande momento.

    (del giorno di oggi non parliamo. troppo triste la farsa in parlamento).

    Piero

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...