NUOVA PRIMAVERA

Se ne occupano già – ormai – anche i media.

Noi ci monteremo una pagina su questo tema, seguendo il mondo che ha preso a girare nella direzione dei giovani.

Domani sarà qual che sarà.

Oggi, vediamo qualche spezzone di filmato dal mondo:

OCCUPY WALL STREET

INDIGNADOS ESPAGNOL

GRECIA CHIAMA SPAGNA

ANNA HAZARE – INDIA

INDIGNADOS A GERUSALEMME

MILANO- ITALIA

SIRIA

…………….

Annunci

12 Replies to “NUOVA PRIMAVERA”

  1. Il giro del mondo in 7 video + 1.
    Quasi 3000 morti in Siria dall’inizio della repressione… bruciano bandiere, bruciano il simbolo del tiranno e poi saltano in aria …

    Bella ciao a Milano e sguardi di giovani che si cercano nella folla, nessun adulto tra loro, per ora, sono soli… poi basta un attimo e la tenerezza …

    A Gerusalemme anche i bambini sulle spalle dei grandi, e ognuno sa esattamente cosa vuole, sempre la stessa cosa ,la stessa per ognuno da migliaia di anni.

    In India sventolano i nostri stessi colori su canne di bamboo, flessibili al vento e leggere nelle mani, una folla festante, sperano in quello che dice loro ‘sarò io a liberarvi’, la speranza è l’ultima a morire…

    E la Grecia come la Spagna e in Spagna alzano striscioni: aquì teneis la puerta! sopra bozzoli di farfalle colorate nei loro sacchi a pelo … e un po’ di sole finalmente

    In wall street un rumore di traffico assordante, protestano e sorridono, altra dimensione, forse sono avanti rispetto a noi, l’aiuola alle loro spalle però è molto curata, sono crisantemi o margherite?

    Scusa il pessimismo per la situazione in generale, guardo e vedo è sempre la stessa cosa, ma i giovani hanno tante speranze, speriamo che possano coltivarle, la vita le nutre a quell’età e chissà che non continui a farlo anche dopo per qualcuno che non si arrende, che non si vende, sempre coinvolto come canta Fabrizio.

    Un abbraccio Piero

    Minetta

    Mi piace

  2. Allora era maggio, la nostra generazione fa vissuto quella primavera, ma i semi si piantano in autunno, quando le foglie cadono, non per il freddo ma per le piccole e giovani gemme che staccano lo stelo delle foglie.
    Ciao, bel lavoro 🙂

    Mi piace

  3. Gioventù dalla pelle tesa
    lavata con acqua d’innocenza

    Gioventù dagli occhi vivi
    accesi da urla di luce
    su labbra inviolate.

    Non lasciamoli cadere
    sulle menzogne

    Non avremo alibi da masticare
    domani

    Un abbraccio
    Patrizia

    Mi piace

  4. Non so Minetta se in quella primavera sbocceranno rose e garofani oppure se il gelo dell’inverno brucerà quei teneri germogli.
    Ormai ho capito che noi “vecchi” da soli non ce la facciamo a cambiare il mondo.
    Lo abbiamo creato noi così, quindi in qualche modo ci rispecchia e ci appartiene.
    Anche in negativo.
    Ognuno di noi – ma io parolo solo per me – ha avuto i suoi momenti per lottare e dire di no e forse avrà deciso, in quei momenti di soprassedere e dire invece un “si” o un “mi conviene/non mi conviene”.

    Anche se può sembrare ovvio, banale, scontato, senza di loro, senza quei giovani, senza la loro linfa, la loro forza, le loro speranze, la loro naturale propensione al futuro, a cambiare le cose, che è proprio naturale, non ragionata o conveniente, proprio solo naturale, ebbene senza di loro non cambieranno le cose del mondo!

    Ma, sai, c’è da dire anche un’altra cosa, altrettanto ovvia, banale, scontata: il mondo, cara Minetta, cambia, sta cambiando, sta correndo, come sempre, verso l’imprevedibile, l’ignoto, il nuovo, il mai visto… e questo perchè loro, i giovani sono la forza del cambiamento, il motore che tiene tutto in moto, in movimento… sono milioni, milioni e milioni…. in tutti i continenti … e là dove sono di più i cambiamenti hanno la velocità maggiore.
    Dove invece hanno sulle spalle una zavorra di “vecchi” più pesante, vanno più lentamente…
    Da questa specie di equazione matematica, si capisce perchè il mondo corre ad est ed a sud e invece rallenta e scricchiola a ovest e a nord.

    I video di questo post mi piacciono perchè danno un’immagine complessa, multipla, di quello che sta accadendo intorno a noi, anche qui al nord ed all’ovest.
    Sempre sangue di giovani, linfa verde, muove quelle immagini, le tiene unite praticamente in tutti i continenti.
    Se la catena che lega quei video si salda lo sapremo solo dopo, domani, o dopo.
    Ma se si salda … ne vedremo delle belle.
    E comunque io faccio il tifo per loro !
    Questa espressione è una forma passiva, da vecchio nonno in pantofole che vive la rivoluzione come un incontro di pugilato in tv.
    Prendo atto.
    Mi cospargo il capo di cenere.
    Ma vorrei precisare che vecchio, nel senso della linfa verde (non più verde), lo sono oggettivamente.
    Nel senso, invece, di quello che possono vedere i miei occhi attraverso la lente del mio pensiero, allora, mai ci ho visto così bene!

    Un abbraccio,
    tuo Piero

    Mi piace

  5. Popof, grazie.
    Vale quello che ho detto sopra, per quanto riguarda il vedere ciòche sta accadendo.

    Per l’avvicendarsi delle stagioni, prendo atto: in autunno si semina.
    Cioè, ora, adesso!
    Non so se il seme attecchirà, se darà vita a qualcosa.
    Non sono sicuro chse il mio seme sia questo post.
    Sicuro il mio seme è mio figlio.
    E non so se lui, mio figlio, in questo autunno, coverà, con gli altri semi della semina di questa generazione, le energie per germogliare alla prossima primavera in un prato verde e rigoglioso.
    Io però lo spero !
    Per quello che posso fare, cercherò di tenergli pulito il campo, rimuovere le erbacce, dargli acqua ogni tanto, quando serve, riparalo dal gelo e dal vento troppo impetuso…
    Poi, la forza per germogliare dovrà mettercela lui!
    Un saluto,
    Piero

    Mi piace

  6. Patrizia, un grazie davvero grande!
    Mi ha emozionato questo tuo commento.

    “…
    Non lasciamoli cadere
    sulle menzogne

    Non avremo alibi da masticare
    domani
    …”

    Prendo queste parole centrali della tua poesia: la prima parte per loro, che dobbiamo lasciare crescere liberi nella verità.
    La seconda per noi, che non avremo più un’altra occasione.

    Chissà quante cose si potrebbe dire… la menzogna noi, adulti, la mastichiamo come complessità …. multistratigrafica del reale, no? Consciamente o inconsciamente la nostra lettura delle cose è una lettura articolata, sfumata, complessa… da adfulti che leggono in controluce ed in filigrana…
    Come confina o sconfina con la le scivolose menzogne che non dovremmo seminare sul loro cammino … e quello che duole di più è il fatto che non possiamo sottrarci a questa … vista di profondità…

    Un’altra occasione… Patrizia carissima, ne abbiamo avuta una o più… quanto potremmo dire! Penso alla canzone i Fabr, qui sopra. L’ho messa apposta. Ha la funzione di metterci di fronte a noi stessi.
    Le sue parole, quella denuncia di Faber, pesano come un macigno su di noi, sulla nostra coscienza collettiva!
    Chissà se avremo un’altra occasione!
    E seppure l’avessimo, ora l’avremmo da adulti, da vecchi… non saremmo più i verdi virgulti che si ribellano al filo prepotente del vento.
    Noi saremmo ormai il vento che tende il filo sopra quei virgulti!

    Ma ci si può ribellare anche alla natura matrigna. Almeno in qualche modo ed in qualche misura.
    Si può non accettare passivamente il ruolo che la natura ci ha dato. Si può provare… è questo il senso dell’utopia nella quale credo oggi più ancora che ai tempi in cui ero un verde germoglio!
    Oggi sono più forte, più libero, più consapevole, più … me stesso.
    Ecco una frontiera da attraersare: diventare se stessi.

    Un abbraccio forte.
    Piero

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...