SISSIGNORE

Sissignore, è muorto ‘o Cavaliere!

Murette ‘a scurdunata, aieressera.

Steva ‘a casa, ‘ncoppa Pusilleca, steva facenno ‘n’ ‘ata festa.

E è muorto all’impruvviso, ca poco primma steva ancora tanto bbuono !

‘O pover’ommo !

Certo, mo’ se chiamma “pover’ommo”, ma isso, sempe, è sempe stato un puttaniere.

Tutte quante s’ ‘o ssapevano.

Era ‘nu fetente, n’ omme ‘e merda.

Ca si era ‘nu cammurrista, c’avesse pure avuto téne ‘nu codice d’onnore, ‘na mulletta, ‘nu fazzuletto, ‘e guante bianche, ‘na facce ‘e reggialluto, sempe ‘ncazzato e merdaiuolo.

Ma invece, isso, ‘o Cavaliere arireva sempe, cu ‘na vocca ca pareva ‘na balena. Uttantaquatto riente a sciabbula e’ curtiello.

‘Nu squalo, un barracuda !

Se ne fujevano ‘e pezziente, ‘e uarracine, ‘e pisce piccule.

‘Nnanz’a isse erano tutte piezze ‘e niente!

Isse accummannava, sempe rirenne rirenne.

Aizate chillu palazzo.

Avasciate a sciammannera.

Facita affare cu ‘u ppane e ll’inflazzione.

Tajate ‘cca, levate llà, ch’aggia fa ‘cchiù leggiera la città.

Faceva ‘o caperione a’o guerno, a Rroma, ‘ndo pur’ ‘o Ppape se faceva accunziglià.

Nu cardinale, per esembio, appurpurato, ca girava tutto ambuttunato puro si teneva ancora ‘a capa fresca, un farfallone, ‘na vota se facette ambrestà ‘nu Cherubino, ‘nu bello guaglincello, ‘na capa r’angelo, c’ aereta ‘a sacrestia se vuleva accurdunà.

‘N’ata vota, invece, don Totonno, nu preutariello ancora ‘ngenuo, se facette arraccummannà.

Vuleva ffà la ggerarchìa, il prelato, ‘o vescovo c’ ‘o cappiello ‘ncapa.

E chillo, subbeto, ‘o Cavaliere, tuosto tuosto ‘gl’allungaje il sacro cero per la Vergine maria  ‘rint’e mmane!

‘O Cavaliere sapeva accunsiglià a tutte quante.

‘Nu sinnaco, ‘nu ministo, addirittura ‘o Prresidente. E ‘ppur ‘o rrè, chillu fetente!

Faceva favure, a destra e a manca.

‘Na passeggiata cu’ Rreggina.

‘Nu ggiro a Mergellina.

Isse, ‘o squalo ca rireva ammantinente, cu ‘nnu dito sulamente faceva ‘o signo e, chille, ‘o ppopolo tutte quante, cumm’a tante pecurune, s’acalavane ‘e carzune per fasse poi ‘nculà.

Prumetteva assai ricchezze, fessa a tutte quante.

‘Guaglione, guagliuncielle, contesse  e verginelle.

Sante, suore e pullastrelle.

‘Isse s’ ‘e maniava cu’ ‘ll’uocchie allucidate, ca puveriello c’aveva pè pesce na sardella.

Je passava na mane mmiez’e coscie, nu vasille, ‘na prumessa.

E chillo, ‘o Cavaliere, fesso fesso, se crereva r’esse ‘nu mandrillo, ‘nu lione, un amatore, ‘nu sciupafemmene, un campione.

Puveriello, ca ogg’è muorto.

Nun se po’ cchiù rice ‘o mmale.

Chiannene tutte ‘e cardinale.

Hanno perzo ‘nu cumpare ca faceva co’ ‘i ssacicce i festini e o’ ‘bbaccanale.

Sacicce, salame e fiche fresche.

E llà, a’ ‘o villone, mmieze ‘e ffrasche fresche fresche, femmene e’ barone, cuntesse e popolane ammuntunate, aizannese ‘a vunnella cumm’ ‘a sposa ‘a notte ‘e nozze, se facevano manià, p’avè ‘n’ appuntamento, ‘n’incarico, opure ‘na missione.

Erano zoccole e puttane, bagasce, troie e meretrice.

Accussì je piaceva a isso, a ‘o Cavaliere.

L’urtima festa ‘a facette ajere ‘ssera.

Tutta ‘n passera ‘mbruscinata.

C’ ‘o ministo ‘e l’affare cchiù impurtante, se giocaro ‘a mutanda ‘da Misse cchiù Fetente, chella ca c’aveva ‘o vaso doce doce, tanta famme, ca s’abbuccava tutto intero lu salame.

Rirevano ‘e cumpare, arrussulite e ‘nfojate comme ‘ncoppa ‘o lupanare.

‘Int’ ‘o villone era abbicciata tutta l’alluminazione e ‘e ffuoche, ‘ncielo, ‘e notte, ca pareva era scuppiata la rrevoluzzione!

Erano ‘mpurtante tutte ll’invitate. Chella era gente seducente.

Brillocche, verdimane, anielle ‘d’ ore.

Pellicce, cullane e pile ‘e fessa.

Rirevane tutte quante, adduranne ‘a tabacchera.

Cullette sbuttunate, tonache slacciate.

‘O jardine era tutte stelle, ‘o cielo niro niro.

L’acqua cristallina dell’altare. L’olio puro della cressima. Rosso, il vino, rubicondo, frizzantino.

Ma nun pozzo cchiù sapè.

E’ overo. M’anno arraccuntato tutto quanto.

Ma nun saccio si ‘o ddicere, è ‘a verità.

Mo’, sentite, che succerette quanno ‘o Cavaliere s’ammuccaje ‘o cannarone ‘e carne e’ puorco e maccarune.

E lisciannese ‘na povera uaglioncella c’ancora nun se sapeva arrefrenà, ‘o cummandante, ‘o maste ‘e festa, ‘o Cavaliere, cumm’è, comme nun pozz’essere cchiù addiciuto, all’impruvviso s’aizaje commincianno a ffà ‘o discorzo.

“Ggente ca state a ‘sto tavolo assedute.

‘O ssapite, ‘i nun voglio leccacule.

Facimmo ‘o brinnese e ricite a vverità.

Chi tene ‘o pesce cchiù rruvente, cchiù putente e cchiù ffetente?

Chillo stasera farraggio Presidente.

Omme ‘e corte, nobbile o pupulano.

‘O sceglierà Ninetta, ‘ccà.

Ca nun sape ommo e pote giudicà.

L’aggio adducata io, io perzonalmente.

A vase, leccatine e cullanine.

E essa, ‘a uaglincella, sape ‘a ‘mmore sulamente du ‘Cavaliere suio, impenitente.

Sò ssecuro ca essa saperà aggiudicare.

E’ già pronto il soglio di papessa.

Reggina del villone.

Missa ‘cchiù fetenta!”

Accussì ricette e nu buccalone s’agliuttaje, sì, nu buccalone ‘e vino russe, e ‘nu rutto ‘ncanna glie sagliette, ca facette ancora cchiù rummore.

Tutti bevvero, è sicuro adesso, e alzando i calici, felici, brindarono, al sesso duraturo !

Che ossesso: era fatta la scommessa!

Essa, ‘a guaglincella s’aizaje, chiano chiano, timidella.

C’aveva ‘e capille nire, ‘na vucculella ca pareva ‘na ninnella.

‘Nu visino piccirille, ‘nu nasino ammucculuso.

E cchiù sotto, ‘na cirasa pe’ vasà.

Due zinnette ancora acerbe, cumm’ ‘e pere ‘e ll’arberello mmiezo all’orto e Niculino.

E asotte ‘o vestitino curto curto s’anduinava, ‘nnanze, ‘a museca d’u viulino e, addereto, ll’armonia ‘d’u mandulino.

Musica, miele, dolci note.

‘Nu rialo ‘e nnammurate, ‘na prumessa.  Un giuramento!

‘All’ammore, ‘a guagliona s’aveva accummandata!

E dicette, quanno ‘a voce je sagliette:

“Niculino, rint’all’orto ‘i l’aggio ggià assapurato.

E’ forte, è un albero sicuro.

Ciure approfummate, ramme tuosto.

Vase doce e omme cierto!”

Tutt’ ‘e luce s’annerajeno ‘a stu mumento. E pure ‘e stelle se ne jetter’annascunnese, che s’erano tutte appaurate.

“Cavaliero, vuje site viecchio.

‘O varra vost’è moscia, il cetriolo è sicco, arricignato.

‘O parulano v’avesse arresecà.

Finiscete ‘mo ‘e accummannà, lassate subbet’a città.

Ormai è tiempo. Niculino mò è diventat’o ‘rrè”.

S’acalaje di subbito il silenzio, ca pareva fosse ‘o ddue ‘e nuembre, ‘a festa nera ‘e muorte tutte quante.

Se stutaje ‘a risata ‘e cazze ‘nfacce ‘o cavaliere.

S’aizaje all’erta, addiavuluto, comme vulesse ‘mpartì ‘a maledizzione.

‘Nu cumanno, ‘n’ordine, ‘n’esecuzzione.

A Niculino se gelaje ‘o ssangu’arint’ ‘e vvene.

Se verette senza capa, ‘o puveriello, subbeto in catene.

A Ninetta s’avullije russe ‘o sang’, se ‘mpustaje, mo’ pareva ‘na janara.

E capille nire, arravujate, ‘a vesta ajzata, ‘e cosce toste toste.

‘Na Vergine reggina. ‘Na ‘ndrizzata. ‘Na Maronna Incurunata.

S’aizaje, o cavaliere. C ‘a mano indicaje tutta chella ggente.

Araprije ‘a vocca, pe’ dice ‘na parola. Chissà. A Morte !

Tutt’ ‘o munne, ‘nfacce ‘nfacce a ‘n fenesta, s’era mise ‘mposta e stava pe’ sentì.

‘O cavaliere arrunciaje, arrevutaje l’uocchie.

E pò, senza ‘cchiù nu ciato ‘mmocca, sbattette ‘nterra de subbeto, cumm’a na preta fessa, ‘nu zoccolo ‘e cuntessa. Fisso, fesso e stoccafisso.

Stammattina ce sta lu funerrale, l’esequie, l’accumpagnamento.

Prievute, ministe e zucculelle, so’ rimaste senza cavaliere.

Comm’è brutta chesta storia. ‘Na sfilata trista, malinconica, cimiteriale.

Ninetta ca cummanna, ‘nzieme a Niculino, è chesta ‘a vera rrevoluzzione.

Ma chissà si chesta favulella c’ave ‘nu ppoco ‘e verità.

Nu mumento pare overa, ‘n’atu ppoco pò me scordo e me pare ‘e struzulià.

Ma chello ch’è sicuro overmente è ch’è muorto ‘o Cavaliere!

E’ fernuto, finalmente. E’ muorto, ‘o malamente. E’ schiattato ajjeressere!

Annunci

19 Replies to “SISSIGNORE”

  1. si nun s’ o puort vi’ a’ mortè a chello … manco issa o’ vulisse tra i pedè, stu figlio ‘na lavannara: aovveramente, te dic’ o Vero, che mò se cred’o patreterno. Nisciun’ è chiù fetente d’uno fetente ca nun se ricuord’ addove è vennuto. e nun s’ o vole riccurdà, pè fa o’ signore e accummannà a tutti quanti e vulisse pure a riverenza comme nu rre sto figl’en

    Video molto approppriati, sempre bella la lingua napoletana, come vado?
    Mina

    Mi piace

  2. non ho capito come finisce il primo intermezzo napoletano: vulisse pure a riverenza comme nu rre sto figl’en… ?

    vai benone; certo qualche linea rossa e blu di qua o di là, ma sei molto oltre la sufficienza.

    Ovviamente, capisco, tutto il rispetto per le lavannare. Giusto!

    Oggi anche i vescovi italiani si sono espressi, naturalmente con il massimo possibile di equilibrismo, per evitare di fare nomi e cognomi, sai, sarebbe indelicato disturbare l’impresario tutto dedito ai suoi trastulli sotto al tavolo.
    Però, ancora è assordante il silenzio papalino: non era, prima di fare il papa, Ratzinger, il capo del Santo Uffizio, ovvero dell’ex Santa Inquisizione? Dovrebbe essere ben abituato a valutare innocenze e colpevolezze!
    Ma anche in insabbiamenti e assoluzioni.
    Chissà, forse teme che qualche straccio sporco possa sporcare il suo bel vestito bianco.

    (A proposito, non mi hai detto nulla del nuovo post sul tuo blog! Che ne pensi?)

    Un bacio,
    Piero

    Mi piace

  3. A proposito stavo meditando una risposta speciale, come speciale è il tuo nuovo post. Ma già una volta, ahimè, ho sentito sfiorare la testa in altro blog, nella tana del lupo, dalla lama di un epiteto che forse non era rivolto a me, ma, sai, avendo già la coda di paglia… è un attimo finire al… rogo come Savonarola o Giovanna D’Arco. Amico coraggioso, sto elaborando …

    Figl’ en sta per figl’end… cioè fine, ovvero quello che tu sai da buon
    cultore del napoletano,- nun famme parlà, nun famme parlà…- te lo dicevo che poi non mi si riconosce più…
    Mina tua

    Mi piace

  4. Non devi farti problemi.
    Non porto fiammiferi nè l’accendino con me.
    Ognuno è libero di dire quello che pensa.
    “La varietà è ricchezza”, ho tentato di insegnare a mio figlio, per dargli il senso dell’apertura, del rispetto per gli altri. Anzi, calcando la mano sul fatto che più è diverso, differente, quello che “l’altro” ti porta, più ti fa ricco.
    Questo, a maggior ragione, vale qui.
    O di là, sul “cavallino blu”.
    E se è il caso di opinioni diverse, saranno anche … le lame a volare: e che c’è di più bello che di una lotta sincera?
    Tuo, Piero

    Mi piace

  5. Potrebbe essere una via, c’ho pensato e probabilmente è quella giusta, ma c’è qualcosa a Napoli, guarda il caso, che mi frena, non vorrei, scampata alle fiamme di quella pira, finire a filigrana come un merletto di Burano. Non so se mi sono spiegata.. famm sapè.
    Stasera sono molto impegnata per una questione che mi sta molto a cuore, 🙂 domani verso sera parliamo di quel Post, credo che sia una faccenda molto importante, più ci penso me più me ne convinco.
    Tua, Mina

    Mi piace

  6. Caro Piero,
    ti scrivo quì il mio piccolo commento al tuo grande Post su cb perchè là non riesco a inviarlo, nemmeno cambiando mail.

    Cosa è giusto, cosa non lo è?
    Abbiamo dunque un uomo in bianco, un uomo puro, infallibile. La Storia ce ne tramanda le gesta per giustizia e saggezza e bontà. Storia recente, storia passata, non un’ombra di sospetto sul suo perfetto agire, ovunque vada viene acclamato dalle folle nelle piazze, e proclami certo sì, all’amore e alla pace. Cosa più ammirevole di diffondere ed indicare la via, una via per l’uomo, per il suo destino “oltre la necessità di vivere”. Certo bisognerà rendersi conto che comunque, morire bisogna morire, che sarà mai, un’altra vita ci aspetta, dunque che paura puoi mai avere se muori di fame di verità, di vergogna, di paura oppure bruciato in piazza. Confessa i tuoi peccati, pentiti una buona volta, e.. voilà. Il paradiso sai, non può attendere, vai, vai e vedrai con i tuoi occhi com’è dolce, laggiù in sacrestia, ancora un poco, che dopo ti confesso… quando torni a casa, se ci tornerai, non ti fermare a salutare il grano che cresce sul sentiero, fatica sprecata.

    L’ingiustizia mi provoca sempre un’amarezza senza fine, soprattutto se non sono io a farvi fronte, in qualche modo. Scusami.
    Tua Mina

    Mi piace

  7. Se riesci a farlo saltare di là come commento con copia-incolla o in altro modo, ma non vorrei darti un lavoro supplementare… Comunque ci terrei a commentare i tuoi scritti anche là, come si potrà fare? Mah, o forse …
    però mi sembrerebbe di rovinare l’articolo, entrando con modifica, no, meglio di no. Che ne pensi?
    Grazie
    Mina

    Mi piace

  8. Ma, Mina,
    (rispondo al secondo/ultimo commento), per inserire un tuo commento, devi collegarti al Cavallino blu, come fai quando scrivi un post. A proposito, come fai?
    Se ci fai casi, nella colonna bianca a destra, sotto ARCHIVI” c’è la categoria “META”, che ha due link/menu: a) registrati e b) collegati.
    Clicca su quello b), su “collegati”. Ti chiederà “nome utente” e “password”.
    Inserisci lì le coordinate della tua mail “cavallino blu” (nome utente e, poi, la password). Poi c’è un’altra casellina più piccola : “remember me”, cliccaci sopra e fleggala.
    Fai click su “accedi” e… il gioco è fatto. Sei dentro il tuo blog da amministratrice.
    Ti si apre la “bacheca”, piena di servizi vari. Giocaci un pò.
    Per entrare nella pagina principale del blog, devi cliccare sul nome del blog, in alto a sinistra (scritto un pò piccolo, sopra alla parola BACHECA).
    Adesso sei dentro.

    Per i commenti, sotto ad ogni post, prima di “modifica”, c’è “lascia un commento”.
    Clicca su quest’ultimo.
    Si apre la casella dove puoi scrivere quello che vuoi.
    Infine, quando vuoi inviare, clicchi “invia commento”.

    Per funzionare, funziona!

    Poi, se vuoi, visto che quel blog è a quattro mani, sei padrona quanto me del contenuto di ogni parola della pagina.
    Anzi, mi correggo.
    La padrona del blog sei tu!
    Io sono, lì, tuo ospite!
    Sei tu che concedi a me il tuo spazio.
    Prenditelo, quello spazio, e offrilo, se vuoi, ma solo se ti fa piacere.
    E usalo, come comunque ti fa piacere.

    Infine.
    Ho copiato di là il tuo commento.
    Risponderò lì.
    Tu rispondimi di là, se lo ritieni, secondo le istruzioni qui sopra. Facciamo la prova.

    Piero

    Mi piace

  9. Vi sto leggendo a fatica, la lingua napoletana, perchè giusto definirla in questa maniera, la comprendo poco, ma ammiro il vostro dialogo.
    Piero sei un vulcano di parole bellissime, oggi ho raccontato la favola dei Sumeri a mia figlia insegnante di greco e latino, ti fa i complimeti!!!
    Un saluto carissimo 🙂

    Mi piace

  10. Cara Lucia,
    credo che con questo post … apotropaico per il momento ho finito con il napoletano.
    E’ una lingua straordinaria, che arriva dal cuore e raggiunge il cuore, in modo diretto, immediato, per la via più breve. Come, poi, credo, sia per tutti i dialetti.
    Aggiungo infine un’ultima cosa: sicuramente ci sono moltissimi errori … grammaticali nel mio napoletano. E’ un napoletano piuttosto/molto inventato, maccheronico, scritto sul ricordo del sentito. Era ragazzo quando intorno a me si parlava così ed io, comunque, non parlavo quella lingua/dialetto, non correntemente, perchè la lingua di casa mia era un misto molto molto italiano, per consentire a mio padre, leccese, di dialetto incomunicabile ai laziali come mia madre.
    Allora si parlana in … campo neutro. L’italiano, a cui mio padre teneva molto, dovendo/volendo indirizzare i suoi figli, tre, verso un futuro … miglio del suo.
    E ci è riouscito, anche se, purtropo per lui, non si è goduto i frutti dei suoi sacrifici.
    Ma noi lo ringraziamo di quello che ci ha dato, soprattutto dei valori forti, oltre che della lingua e del sacrificio.
    Ma passiamo avanti.

    La storia dei sumeri, quella che ti ho raccontato – che poi è un racconto mitologico in versi – è bellissima.
    Io modestamente ho il piacere di tramandarla, perchè trovo che abbia qualcosa di misteriosamente attuale.
    Grazie a te per averla tramandata a tua volta, raccontandola a tua figlia.
    Se vuoi, ti posso provare a girare se ce l’ho da qualche parte, l’originale) così anche tua figlia potrà contribuire a questa specie di catena culturale. Ma io preferisco chiamarla catena umana, perchè quella storia l’hanno scritta degli uomini, uomini che noi, cosiddetti moderni, consideriamo antichi, primitivi. Eppure, strano ma vero, la civiltà dell’uomo, quella che ha i piedi nella storia, cioè che si avvale della scrittura per essere tramandata e testimoniata, la civiltà dell’uomo nasce evoluta, moderna, fin dal suo primo apparire.
    Un abbraccio, Lucia.
    Piero

    Mi piace

  11. Ahhhhhhhhhhhhhhhh m’à fatto cuntenta! Finalmente ‘o cavaliere l’hai fatto schiattà!
    Esilarante il duetto tra te e Cavallinoblu… m’è rimasto un dubbio: figli’end …? ahhahahhahahh
    ‘O saccio…’o saccio.

    Mi piace

    1. Cara Vera,
      hai visto?
      Il destino si è compiuto!
      Ora siamo più liberi.

      Per il resto … figli’end… ovenoso vabbuono o no? Non ho risposta. Eh, Cavallinoblu, che mi dici?

      Un caro saluto
      Piero

      Mi piace

  12. Ma Piero, faccio esattamente come dici tu! Altrimenti come farei a scrivere un post su cb? Tu non hai questo problema perchè forse non hai mai provato a commentare un tuo post in prima battuta. Tutti quelli a seguire li posso inserire perchè li legge come replica ad un commento, invece se voglio commentare ad esempio un tuo post lo traduce come fosse mio e non mi lascia entrare. Prova anche tu, se vuoi, come amministratore di repubblica indipendente a commentare un tuo post pregresso senza nessun commento precedente e vedi se riesce, per curiosità, ma forse sbaglio io qualcosa, tutto può essere 😉

    Ciao e scusa se ti creo problemi
    Al limite potrei commentare da un altro blog! (un altro?)
    Mina

    Mi piace

    1. Nessun problema.
      Ho fatto la prova, sia sul cb che qui.
      A me funziona così:
      una volta che hai postato il nuovo articolo ed è pubblicato, hai due alternative.
      1. Sotto all’articolo c’è il link “lascia un commento”. Cliccando lì sopra si apre la casella del commento che puoi riempire e pubblicare.
      2. Dalla home page puoi cliccare sotto al titolo del post, si apre così la pagina dell’articolo. Poi, sotto al testo dell’articolo, segui l’alternativa 1.

      Se non funziona, forse c’è qualche altro problema.
      Fai la prova così e poi dimmi. Lo so che per pubblicare i post devi comunque entrare. Ma facendo tutto il percorso ero sicuro di non sbagliare … strada.
      Infine, non credo che sia più comoda l’ultima alternativa (un altro blog). Se vuoi, si, tutto è bello. Ma pratico di certo non lo è !

      Fammi sapere come va. Ci risentiamo stasera.

      Mi piace

  13. Yes! Funziona! Grazie! Come vedi la tua l’assistenza è indispensabile! Nessun altro blog, no, gia mi impensierisce questo… ma mi dà anche tante soddisfazioni, personali, e poi è bello scrivere e non lo sapevo. (c’è un nuovo post, dimmi se ti piace)

    Mò mi dici come fai a sapere che con le pratiche sanitarie ho una qualche dimistichezza, a proposito di endovenose,… (sono nel ramo, basso, medio-basso) ma che hai, la sfera di cristallo? Mi sorprendi!
    Però è giusto così. Rara persona, e preziosa.
    Un abbraccio

    Tua Mina

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...