‘A RRIVOLUZZIONE

CARAVAGGIO - Giuditta e Oloferne

Se scetaje all’impruvviso, o rrè, sentenno nu rummore ca veneva ‘a sott’a fenestra r’u palazzo.

S’affacciaje ‘a fenesta e verette ca tutto ‘o munno s’era arrevotato.

Nun ce stava cchiù niente ca steva a ‘u posto suoje.

‘A statua accavallo r’o nonno c’aveva fundato ‘o rregno pareva asciuta a rint’a na ‘uerra. O cavallo azzuppato, ca cu’ duje zampe stava appujato petterra, n’ato zuoccolo l’avevano spezzato e ncarcagnito sotto a zampa ca pareva spezzata da na b tt’ ‘e cannone. Siennò s’arreggeva, pareva nu ‘mbriaco, chillo cavallo ca c’aveva l’urtima zampa ca pareva ricere ‘a via pe’ scappa cchiù veloce a’fora a chilli ‘uaje.

E ‘o nonno, puveriello, o’rrè principale, quaccaruno j’aveva miso ncapo nu rinale, arrevotato a capa sotta, ‘na fascia tricolore, bianca rossa e vverde attuorno attuorno a’ i spalle, da destra a sinistra, nu’ pare e mutanne ‘e femminiello facevano a bannera attaccata alla punta dlla lancia.

Povero ‘rrè!

Ma no chillo principale, o nonno, chill’era ‘e fierro, ‘e bronzo.

I’ dico ‘o ‘rrè ca s’era aizato accussì all’intrasatta.

C’aveva ‘e capille tutte arrunzuliate, na vesta bianca da notte ca pareva nu fantasimo, nu par’ ‘e chianelle rosse, cu nu fiocco a pallina ncoppa a punta ca pareva quasi .. nu frou frou!

Nun se raccapezzava ‘e chillo ca stava succerenno.

Tutt’ ‘a pupulazzione se stava arrevutanno sott’ ‘a fenesta soja.

Alluccaveno, strillavano, quaccaruno sputava e sparavano ‘è fucile d’ ‘e gguardie ca se ne stavano fujenno a’reta ‘o palazzo, addereta addò stà chillu muro ca porta verso ‘a via d’ ‘o mare.

Povero rr’è.

“Ma ‘cca stanno pazzianno!

‘Cca se stanno arribellanno.

‘Cca ce sta ‘a rrivoluzzione!”

Ma ‘int’ ‘o suonno c’ancora nun l’era fatto scetà aoveramente, ‘int’ ‘a capa d’ ‘o rrè, ancora chillo s’immaginava ‘e chiammà la servitù, la guardia, ‘o Primmo Ministo.

Ca chille se n’erano fujute tutte quanne, ruie o tre ore addereto, rint’ ‘a na carrozza. Aggiu ritto ‘na carrozza e ricevo p’ ‘o ministo e ‘o ggenerale r’ ‘i guardie. L’ate, ‘i guardie, ‘a servitù, tutte l’impiegate d’ ‘a cancelleria e d’ ‘o tribunale se n’erano scappate ancora cchiù ambresso, int’ ‘a nu serra serra ch’ aveva fatta n’ammuina che tutte c’avevano appaura ca pure ‘o ‘rre se puteva addiscetà e mettese ‘a alluccà.

“A ‘ro state jenne?

Felloni!

A mmè me lassate ‘cca?

E che vvò tutta sta canera ‘ndemuniata!

Chisti cane stracciune muzzecano e strazzano, ma nu pozzono muzzecà ‘a nu ‘rrè!

Guardie !

Guardie !”

Aoveramente, chillo, ‘o rrè aveva alluccato “Uardie, Uardie!” quanno aveva finalmente accapito che c’era scoppiata aoveramente ‘a rrevoluzzione.

Quaccaruno aveva infilato una carota ‘nculo ‘o cavallo e pareva la punta di una lancia, russa cumm’ ‘a n’arancia, che sferzava ‘a povera bestia!

‘O ‘rrè capiscette ca chella carota stava cercanno n’ato pertuso ‘e parulano.

E all’impruvviso le venette nu prurito accussì pruvucante ca se dovette grattà proprio llà ‘ddove ‘o povero cavallo s’aveva mmuccato ‘o carotone.

Indecorosa scena pe nu ‘rrè tanto blasunato.

Se sentivane ‘e strille e ll’allucche ca saglievano p’ ‘e scale.

Abbussavano ‘a porta.

Il gran ciambellano, bianco ca pareva nu muorto, s’affacciaje nnanz’a porta e alluccanno “scappate, scappate, ca stanno arrivanno” pruvaje ad avvisare ‘o ‘rrè.

Ma chille aveva già capisciuto tutto!

Era nu ‘rrè, si, ma nun era mica fesso!

‘A rint’ ‘o lietto ascije a marchesina, ch’ ‘e zinne a mulegnana, nu culione ca pareva na massaria e … nu cuvone nire nire, tutt’aggrivigliate ca pareva lu nide e’ n’auciello!

Pallida, sudata, appaurata, nun riusciva manco cchiù a spiccicà ‘na parola.

Pruvaje a se menà ‘ra a parte d’a porta, ma sentenno tutta chell’ammuina, chill’allucche, chilli strille, subbite s’arrecurdaje ca steva tutta annura.

Un pensierino, veramente, gl’appicciaje ‘a passerina, ma l’appauramento fuje cchiù fort’ancora ‘ru prurito .

Facenno nu brutto gesto a ‘o ‘rrè, tipo: “futtiteve, maestà”, acchiappaje nu mant’ russe ‘e velluto ca penneva ‘nfacce ‘o muro e se mettette a fuje ra’n’a fenesta ca reva ‘rint’ ‘ o jardino. Tanto chillo, ‘o ‘rrè stava sempre al piano nobbile, al primmo piano, a chell’ata parte ‘ru jardino.

‘O ‘rre restaje sulo sulo.

‘E trone d’ ‘o burdello s’ajzavano d’ ‘a rint’a piazza, come nu fucarone c’abbrucia e appaura.

Se steva cacanno sotto, ‘o puveriello.

‘E mmò ? Mò m’accireranno sicuramente. Pè nnu mumento je passaje nnanz’all’uocchie ‘a figura ‘d’o cavallo d’ ‘o nonno, ‘a sotto, ‘mpiazza. E nu brivido j’attizzaje ‘a ppaura allà’ppessotte.

Stava svenenno, ‘o povero cristiano.

Alluccaje: “Smeraldina ! Noemi ! Josè”.

Nisciune arrispunnette.

Tutt’a nu mumento ‘na botta ca pareva nu corp’e cannone se facette sentì ‘a for’ ‘a piazza.

Era l’Ammiraglio, ch’aveva sparato l’ordine della ritirata.

“Chillu ricchione!” Penzaje ‘o ‘rrè.

Cuanno i’ me ne jevo chiavanno Noemi e Josè, isso se faceva fotte, sotto cuperta, ‘ra tutte e marinare d”a marineria d’ ‘o rregno! ‘E mmò chillo che ffà? Se ne fuje? E a mmè me lassa sule ? Traditore ! Traditore!”

Se stava a mette a chiagne, quasi quasi.

Pur’o Pateterno se n’era scappate a ‘ncoppa ‘o crucefisso!

Là, appiccicata nfacc’ ‘o muro ce steva na croce ch’erano ruje povere piezz’ ‘e legno, azzaccate un’ infacci’allate, ca facevano, appunte, ‘na croce ‘e Gesucristo.

Ma chillo, ggesù, Gesucristo nun ce steva cchiù. Pareva ca se n’era fujuto pur’isso.

“Ma uarde nu poco, penzaje ‘o ‘rrè.

No!

Tutt’ a ‘nu mumento capette !

Chillo, chillu cazz’ ‘e cardinale, ‘o cardinale cunfessore, cazz’, se nera fujuto primm’e tutte quante ‘ll’ ‘ate. Certamente, isse s’era futtuto ‘o povero Gesucristo. Ca chille, ‘o Gesucristo ‘nfacc’ ‘a croce, era d’oro zecchino. Valeva tanto. Molto!

N’facc’o muro ormai ‘nce stevano sulamente ‘e ritratte puverielle ca nesciuno s’arricurdava cchiù. E ca erano brutte, ma brutte assaje.

Povero ‘rrè.

Quanno arrivaje ‘a folla ‘ncazzata, ca parevano mille rimmonie, ‘nu milione ‘e diavule, se vulevano purtà ‘o ‘rrè ‘bbasc’ ‘a piazza, sotto ‘ o cavallo.

“Riceme, povero ‘rrè, quando te futtiste ‘a ssorema, te piacette ‘e fotte ?”

Alluccaje mlamente nu pupulano ca c’aveva ll’uocchie ‘e fuoco!

“E tu, ‘rrè, ca pare ca staje chianneno, rimme nu poco, quanno te purtaste a Sisina a far la visita al tuo palazzo, rimme, rrè ‘e mmerda, cumm’era, tuosto, ‘o cule ‘e Sisina?”

N’ato, ca pareva il primo dei demonji affucurate, s’ ‘o uardava sott’uocchie, ‘o ‘rrè, pareva abbruciarlo per come se lo cunzummava.

Arrivaje n’ata ca pareva ‘na pazza.

Rossa rossa ‘nfacce, come si ‘a brace l’avesse appicciata, c’aveva nu strano surriso, ‘na vocca storta, ca pareva na fessa sturcinata.

S’avvicinaje ‘a ‘o ‘rrè e se l’acchiappaje p’ ‘e ppalle, ‘a sott’ ‘a suttana. Ca tanto, chillo, ‘o ‘rrè, manco c’aveva avuto ‘o tiempo ‘e s’enfilà ‘e mmutanne.

Chillo, ‘o ‘rrè, suraje.

Fridde fridde.

Uardaje nfacce chella riavulessa scellerata.

E ‘ppò a’ arricunuscette.

Era Marietta, ca steva c’a buttega ‘e sartoria adderet’ ‘o palazzo ‘rriale.

Era bella, quanno isso l’aveva vuluta.

Aveva fatto uccidere Augustino. L’aveva mandato in guerra. E llà, ‘na palla ‘e ottomano ll’aveva baciato in fronte.

Povero Augustino.

Ma nisciuno l’avveva chiagnuto.

Essa, invece, era caura caura mmiez’ ‘o lietto d’ ‘o ‘rrè.

Se penzava, puverella ‘e addiventà ‘na reggina.

‘O ccauro s’ ‘accuglieva ‘mmiez’ ‘e cosce, quando se vedeva cu ‘sta curona ‘ncapa ‘e reginella, e i vase suoje schiuccavano cchiù forte e s’astrigneva ‘ncuollo ‘o ‘rrè, je saglieva ncoppa, como ‘na cavallirizza ca se strunguliava accà e allà, mentre isso, russe russe, isso, sine, ‘o ‘rrè, ca pareva se steva murenno, se faceva piccirille piccirille ‘nfacce a chella diavulessa ca vuleva addiventare na riggina.

Ca ddiavulerie succerevano ‘nda chillo palazzo!

‘Sta riggina sapette, ‘a nu surdato ca nun ze facette ‘i cazze suoje, tanto ‘cca mai nisciune se fa ‘i cazze suoje, ca ‘o marite ll’aveva trarita, a essa, a Marietta, per il bacio di una palla ottomana!

E allora stregnette cchiù forte ancora.

Marietta.

E’ ‘o ‘rrè, puveriello, nun c’avette manc’a forza ‘r’alluccà.

Svenette.

Stavolta Marietta nun faccette cavallerie.

Se spugliaje e, llàm, mmiez’a tutta chella gente nferucita, cuminciaje a se struscinà n’cuollo ‘o ‘rrè.

Ca chillo nun capette cchiù.

Si c’aveva a cumbatte ‘na battaglia r’ammore cu ‘i vampe de na femmena mpazzita, o si se ne steva pe’ mmurì.

Marietta, chiagnenno, chiano chiano se n’cumminciaje a vergugnà.

S’aizaje, annura com’a na Maronna, pura cumm’all’Immaculata Cuncezzione, pigliaje nu spadino ca steva ‘ncoppa ‘o tavulino e s’ ‘o nfilaje ‘nzinno.

‘O ssangue ascette russo russo e lavaje ‘a faccia ‘r ‘o povero ‘rrè ‘mpizzato ‘nterra.

Tutt”a folla se mettette subbeto a’lluccà.

Chi fujeva, chi nun sapeva che ffà.

‘Nu povero giovanotto, ‘nnammurato annascuosto ‘e Marietta afferraie chillu spadino santo e, accussì, l’affunnaje ‘ncann’ ‘o ‘rrè.

Ca chillo manco s’accurgette c’era muorto, tutt’a nu mumento.

“Chesto aspetta a cchi se futtette Marietta nosta”, alluccaje ‘na voce fetenta!

E accussì, fujenne vendetta, ‘a rrivoluzzione arrevutaje ‘o ‘rregno intero !

I’ nun saccio cume jett’a finì.

Arrivaje nu generale, n’atu ‘rrè.

Dopo dieci giorni l’ordine era stato ricostituito.

Nu ‘rrè francioso, cu nu cardinale mporporito.

‘O Papa pure facette na predica speciale ‘nnanz’ ‘o tavuto regale.

E mentre stava levando l’orazione ‘nfervurata, l’uocchio, ‘ndiavolato, s’enfilaje sott’ ‘o cursetto cauro d’ ‘a Principessa.

E c’avette tutto nu brivido pe’ cuollo, fin’ ‘addo’ stà ‘o nanà.

Che s’anfurcaje, tuosto tuosto, comm’ ‘a na lancia ‘ru cavaliere.

Lagrimosa e nnera, a Principessa.

Candida comm’a ‘na Vergine Maria.

‘O Papa se sentette ‘e arrevutà.

Annunci

10 Replies to “‘A RRIVOLUZZIONE”

  1. Ue! Accussi se fa, all’intrasatta!
    Marò! E addo stà o raggioniere? Chist’ è nu poeta! Mannaggia ammè che nun l’aje acconisciuto’avantieri a lingua napulitan, mannaggia ammè! Però nu pochetto a capisco!
    Molto simpatico!

    Mi piace

  2. Forse è un pò comlicato, hai ragione Luisa.
    Ma mi sono divertito moltissimo a scriverlo.
    Oggi l’ho rivisto ed aggiustato un pò e… pensa un pò, mi è piaciuto!
    Grazie comunque per la pazienza.
    La storia l’avrai compresa è simile al nostro presente.
    Ma è la stessa anche di tante storie passate.
    Re, cortigiane zoccole, prelati pedofili ed rivoluzioni ed assassini non hanno un presente o un passato.
    Sono il rischio costante che il futuro, anche quello immediato, possano rivolgersi in tragedia.
    Perchè la violenza che si sente circolare nel sangue di coloro che subiscono i soprusi, anche oggi, con questo popvero popolo italiano svergognato e flagellato, è una violenza vera. Repressa, per fortuna. Ma senza alcuna certezza che fra un attimo non esploda in tumulto efferato.
    L’ironia del raccontino non deve trarre in inganno: sento la rabbia crescere in mezzo a noi.
    Il mezzo surreale del racconto un pò farsesco aiuta a raccontare: rende evidente, “certifica” quella realtà che scorre sotto traccia, come un veleno inculato che ancora deve fare il suo effetto.

    Un abbraccio, Luisa.
    Piero

    Mi piace

  3. Esilarante per quanto drammaticamente accostabile al nostro presente!! Quanto mi piacerebbe che invece do rré avessi letto o cavalere!
    Adoro la lingua napoletana: rende oh se rende!
    Un abbraccio….GRANDE Piero.

    Mi piace

  4. Tu, Vera, lo hai pensato… e se lo hai pensato sarà vero così.
    Sostituisci ‘o rrè co’ ‘O Cavaliere!
    Fatto!

    Ognuno lo legge come vuole.
    Il presente reale ormai supera ogni fantasia, è diventato surreale a se stesso.
    Non si può fare più avanguardia, creazionismo o che ne so, destrutturalismo …
    Tanto il bagno quotidiano ti sommerge sempre e supera ogni livello di guardia.

    Allora, quel pò di fantasia che nasconde ma lascia intravedere, il vedo/non vedo che rende un pò più saporito il gusto acre del quotidiano, può … stendere quel velo pietoso che copre la melma senza nascondere la verità.
    Per questo, forse, ‘o rrè lo trovo più realista … r’ ‘o Cavaliere! ….

    Ma un regalo ti voglio far lo stesso.
    Vai a questo vecchio post, su, adesso!
    Quel che ieri hai pensato ieri,
    lo pensai allora anch’io!
    Moccoloni, ceri, puttane e cavalieri,
    faran riso, o rabbia, anche al dio!

    https://repubblicaindipendente.wordpress.com/2011/01/30/pulcinella-a-sodoma/

    Mi piace

  5. No, non ce la faccio ancora a rimanere seria a leggere ( in pulcinella..) ,ho capito che per questa sera non se ne parla di rifinire il post che volevo terminare. Poi andando su you tube ho visto che anche ‘la gatta cenerentola’ esiste per davvero! E’ incredibile! Grazie per ll commento ai ‘passi’ questa volta te lo dico io che non me lo merito, davvero. Ma come fai a scovare certe cose… ? Neanche a cercarle col lanternino…,
    bacissimi
    Mina

    Mi piace

  6. Mia cara Mina,
    mi fa piacere che ti piaccia … Pulcinella.
    La cultura napoletana è incredibile, anche sconcia, a volte, ma quella è la voce del popolo grasso.
    La nobiltà culturale napoletana mi appassiona, anche se sono solo un amante, un dilettante.
    Sarà che sono cresciuto in quell’area lì, a Benevento, durante i primi venti anni della mia vita.
    Lì ho fatto le scuole e lì ho imparato ad amare la voce di Napoli.
    Un abbraccio,
    Piero

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...