Marcinelle, 8 agosto 1956

Pietro D. Perrone - LA LEYENDA DEL INDIO DORADO

La Leyenda è un viaggio in cinque secoli di storia del lavoro, un viaggio nelle viscere della terra e un viaggio nella memoria, da cui emergono i ricordi di chi ha dedicato tutta la vita al lavoro in miniera.
Il viaggio che si compie attraversa luoghi e tocca i territori della Storia e della Civiltà, ‘Storia che diventa grande quando coniuga il riconoscimento della dignità dell’Uomo con la promozione delle migliori condizioni di vita e di salute per tutti i lavoratori. E la Civiltà, che matura ogniqualvolta il sacrificio dei lavoratori diventa occasione per una nuova conquista della coscienza civile.’


Prodotto: Volume – Quaderni della Rivista degli Infortuni e delle Malattie Professionali
Edizioni: INAIL – Settembre 2010
Disponibilità:
Sì – Consultabile anche in rete (.pdf 4,29 Mb)

Informazioni e richieste: dccomunicazione@inail.it

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Maria Cristina Costantini ha detto:

    Ciao
    Mi chiamo Cristina, lavoro presso la Biblioteca di Medicina di Siena. Stamani a lavoro stavo catalogando il tuo libro e lo sfogliavo, chiedendomi quale fosse la sua collocazione migliore data la particolarità del contenuto che lo rende un po’ eccentrico rispetto al nostro schema di collocazione per materia. Ho cominciato a leggere qua e là e ho visto che, aldilà della sua difficile classificazione, era un libro molto appassionato, che “mi suonava”, risvegliava echi: la bellissima canzone di Violeta Parra “Arriba Quemando el sol ” in cui si parla proprio delle durissime condizioni di vita e di lavoro dei minatori del Cile.
    Ti mando il link dal sito cui punta anche il tuo blog, “Canzoni contro la guerra”, http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=3684&lang=it.
    Non so se ne parli già nel tuo libro, perché non l’ho letto tutto, penso che comunque ti possa interessare. Ciao e grazie per il tuo impegno.

    Mi piace

    1. pierperrone ha detto:

      Cara Cristina,
      ti ringrazio molto per il tuo commento.
      E grazie davvero anche per il regalo della canzone di Violeta Parra.
      Non so se conosco questa canzone (adesso, in ufficio, non posso ascoltarla. Lo farò stasera, da casa), ma lei, la cantante, si che la conosco.
      Gracias a la vida è una melodia che ho ascoltato fin da quando ero liceale, ai tempi degli Inti Illimani di Venceremos e del Pueblo Unido Jamas serà vencido…
      Nel libro/quaderno non c’è questa canzone, ma ci sono tante cose.
      Mi fa piacere che ti piaccia il quaderno (più che un libro è un quaderno). Si tratta di uno scritto che l’ufficio per il quale lavoro (INAIL) mi ha gentilmente pubblicato e che che rispecchia un pò della mia passione per il tema del lavoro. Oggi non se ne parla molto (o se ne parla più per la mancanza/scarsità che per le sue implicazioni politiche/sociali), ma per me resta un tema di grande importanza.
      Ti aspetto ancora sul mio blog (ora quello attivo è http://www.oltrelalinea.blogspot.it), se ti farà piacere, ma ti avverto, io non sono uno scrittore professionale, ufficiale, ma solo un dilettante che vuole raccontare le cose che sente.
      Un caro saluto (e ancora grazie per la visita).

      Piero

      Mi piace

      1. pierperrone ha detto:

        P.S.
        Scusa, Cristina,
        per la classificazione del libro/quaderno avrei uggerito: storia, oppure scienze sociali (ma, bada bene, da dilettante starei male in tutti e due gli scaffali).
        Tu cosa hai deciso, alla fine?
        Piero

        Mi piace

  2. Maria Cristina ha detto:

    In effetti avevo optato per la sezione “Storia della medicina e delle altre scienze”. L’altra opzione era “Varie”, ma finché c’è anche una lontana relazione preferisco usare le sezioni tematiche.
    SUl sito che ti ho linkato troverai il testo della canzone con la traduzione in varie lingue, un po’ di contestualizzazione storica e la possibilità di ascoltarla su Youtube. Ci dovrebbe essere anche la scena del film “Violeta se fue a los cielos” in cui la Parra canta di fronte a un gruppo di minatori. Mi fa piacere che anche tu apprezzi questa grande donnai.
    Visiterò anche il tuo nuovo blog.
    Ciao!

    Mi piace

    1. pierperrone ha detto:

      Ciao e a presto allora. Approfondiro’ la mia conoscenza su Violeta Parra intanto.

      Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...