2011/03/19 – L’ANGELO STERMINATORE

IL FUOCO - 19 MARZO 2011 - L'ANGELO STERMINATORE

**Il primo giorno dei pani senza lievito, quando si immolava la pasqua, i suoi discepoli gli dissero: Dove vuoi che andiamo a preparare per mangiare la pasqua? *Egli mandò due dei suoi discepoli dicendo: Andate in città; vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua; *seguitelo e dove egli entrerà dite al padrone di casa: Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza nella quale possa mangiare la pasqua coi miei discepoli? *Egli vi mostrerà una grande sala superiore preparata con tappeti; là preparate per noi. *I discepoli andarono e, giunti in città, trovarono come egli aveva detto e prepararono la pasqua.

*Giunta la sera, Gesù venne coi dodici. *E mentre erano a mensa e mangiavano, egli disse: In verità vi dico che uno di voi che mangia con me mi tradirà. *Incominciarono a rattristarsi e a dirgli uno dopo l’altro: Sono forse io? *Ed egli: Uno dei dodici che intinge con me nel piatto. *Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai all’uomo dal quale è tradito il Figlio dell’uomo! Sarebbe stato meglio per lui se non fosse nato!

*E mentre mangiavano, Gesù prese del pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo dette loro dicendo: Prendete, questo è il mio corpo. *Poi prese il calice, rese grazie, lo diede loro, e ne bevvero tutti. * E disse loro: Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è sparso per la moltitudine. *Io vi dico in verità che non berrò più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo nel regno di Dio.

Marco, cap 14, 12 – 25

Ras Jedir Libia: profughi ammassati a confine

La Pasqua.

Passaggio d’oltre.

Varcare i confini, le frontiere, la dimensione umana.

Trasfigurarsi in qualcosa di diverso, di sublime, il sovrumano.

La dimensione del divino che si fa toccare, che si rende percepibile al tatto, concreta e materiale.

Porta, passaggio, ponte.

Unione.

Berlusconi e Gheddafi

Giuramento eterno.

Il pane, la benedizione, la cena.

L’ultima cena.

L’amicizia, la solidarietà, l’allenaza.

L’azione che si fa spirito.

Lo spirito che si fa pane e il pane che diventa carne.

Carne entro scorrono fiumi.

Fiumi di sangue che nessuna diga potrà arginare.

Discrso alla folla di Gheddafi

Il tradimento.

Il destino.

L’impossibilità della fuga.

La crudeltà della caccia alla bestia immobilizzata nella rete, nella sabbia, nel deserto, nel nulla.

La nascita col triste fardello sulle spalle di essere preda.

Nascere traditore e non poter rivolgere altrove l’ineluttabilità del fato.

 

CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU - LIBIA, NO FLY ZONE

Il giudizio.

La flagellazione, la condanna, lo spergiuro.

La Croce.

I chiodi che trafiggono, bucano, si accaniscono.

Il dolore, il sangue, le lacrime.

La vita e la morte che si scontrano sul confine come belligeranti spietati.

 

Il fuoco.

La pioggia di vampe lanciate dal cielo che incendia l’aria e la arde.

L’impari forza degli angeli sterminatori che vomita saette sulle capanne di fango degli uomini del deserto.

Fango che raggruma nel sangue di una nuova nera carne destinata al banchetto finale.

Schiere di arcangeli in marcia.

Occhi iniettati di sangue, abbaccinati dal bagliore delle lame affilate.

Sciabole, spade, scimitarre che fendono la pelle marrone, cotta, bruciata dal sole e penetrano nella carne che palpita ancora, golosa di vita.

Teste che piangono, si chinano, cadono e rotolano, pesanti, nel cesto che non può contenerne il peso insopportabile.

 

Guerra.

Guerra santa.

Guerra giusta.

Gerra di religione.

Guerra di pace.

Gerra.

Solo guerra.

Sempre guerra.

Linimeto dei forti.

Sollievo di morte.

2 thoughts on “2011/03/19 – L’ANGELO STERMINATORE

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...