NATIVITà

Marc CHAGALL – Sopra Vitebsk

Quando nacque faceva davvero freddo.

Era all’inizio dell’inverno, appena era finito il periodo delle piogge d’autunno. Le foglie erano ingiallite, dapprima, poi, maturate sul marrone, diventate pesanti come le palpebre di notte divenute preda del sonno, si erano posate a terra, chiudendo le finestre che si aprono fra i rami degli elberi e la strada sottostante.  Da quelle finestre, come da occhi addormentati, alla fine si schiudeva solo l’orizzonte dei sogni.

Lui non poteva sapere di questo, del mondo, del caldo o del freddo, quando venne al mondo.

Era nato.

Questo per il suo mondo era già molto.

Vennero a trovarlo, quando nacque.

In verità si mossero in tanti, come seguissero un segno del cielo.

Erano pastori, contadini, artigiani, panettieri e fornai, lavandaie.

Si vestivano a festa.

O, almeno, si buttavano addosso il vestito migliore, quello per la domenica, per la piazza nel giorno di festa.

Quello avevano, oltre al vestito da lavoro.

E neanche tutti.

Per molti il vestito era sempre lo stesso, quello che si portava addosso ogni giorno e che si portava appresso tutti gli odori ed i colori del mondo, almeno a sprazzi, a macchie, a brandelli.

Andavano a trovare sua madre, Maria.

Del padre pochi si interessavano.

Giuseppe, un artigiano falegname, lavorava i legni delle botti. Quando aveva fortuna e le annate del vino andavano bene. Altre volte, come era in quel periodo, le stagioni delle piogge e del caldo bruciavano le viti, o le annacquavano. E il vino non veniva buono. Così, in quei periodi, Giuseppe si metteva a montare le assi levigate facendo piccoli mobili rustici, cassepanche, armadi. Ma nessuno, o quasi, si rvolgeva mai a lui per acquistare qualcosa, e così, in quei periodi di magra, faceva la vita grama. Era la povertà.

Nessuno s’interessava a lui anche perchè non era il vero padre del bambino.


Marc CHAGALL – Le nu au-dessus del la vie

Maria era una ragazzina davvro dolce e molto bella.

Aveva uno sguardo trasognato, malinconico, proiettato verso chissà quale fantasia di bambina.

I suoi occhi erano due mandorle marroni, pieni della luce dei sogni più innocenti.

Chissà quali miracoli compiva la sua purezza nel mondo dei sogni in cui vagava lo spirito di Maria.

L’espressione era assorta, piena, colma di un amore diretto a chissà quale fortunata destinazione.

Il giorno che nel paese si seppe che Maria aspettava un bambino doveva scoppiare lo scandalo.

Ma nessuno ebbe il coraggio, davvero, o la forza, di pensare che qualcuno potesse aver abusato di quel corpo ancora acerbo. Erano, è vero, faccende di una povera famiglia di morti di fame, sconosciuti, in paese, venuti da chissà quale lontana contrada. Nessun amico, nessun parente, nessuno davvero interessato a loro.

Nessuno sapeva neanche come vivessero, come sbarcassero il lunario. Morti, sembravano morti che andavano in giro per il paese.

E così, nessuno confessò quel peccato. Neanche si parlò di peccato.

Il prato che fioriva in seno a quell’angelo benedetto, restò un prato che non aveva mai conosciuto il peccato.

Il seme che diede sboccio a quel fiore innocente restò un seme senza nome, messo a dimora nel calore del ventre di quella madre bambina da un’operoso insetto incolpevole.

Nè, lei, aveva dato mai segno a qualche intenzione meno che onesta.

Nessuno si domandò cosa poteva essere accaduto in quella capanna ai margini del paese abitata solo da pia gente devota, contadini, lavoratori, uomini dediti solo alla fatica.

In quella casa, però, era stata accesa la miccia della vita che aveva propagato le fiamme a quel corpo di bambina delicata.

E Giuseppe si era offerto per fare da padre alla creatura che stava nascendo.

In quel mondo così difficile, aveva pensato Giuseppe, doveva esserci pure un padre a dare una mano alle povere creature che il destino decideva di mandare a conoscere la vita e il dolore.


Marc CHAGALL – Sara Abimelech

Nessuno s’interessava a Giuseppe.

Passavano a trovare Maria pastori con le pecore, mugnai ancora impastati di farina, contadini impiastricciati del fango delle terre allagate, muratori con i capelli imbiancati, spaccalegna con le spalle quadrate. Passavano di lì perchè speravano di trovare un’ora d’amore tra le sue braccia senza colpa.

Passavano come accompagnati da una stella cometa.

Arrivavano e restavano ad aspettare.

I lunghi vagiti del bimbo tra le braccia di Maria ogni tanto si acquietavano e  in quel silenzio il loro desiderio montava, la loro ansia cresceva.

Erano uomini dalla pelle scura ed i capelli crespi.

Oppure biondi e con le zazzere a spazzola.

E qualche orientale, con la pelle olivastra e gli occhi  traversi.

Erano uomini e parlavano tutte le  lingue del mondo.

Tra quei ragazzi pieni di vita crebbe, con gli anni, quel bimbo.

Era nato agli inizi dell’inverno, in una povera capanna senza ristoro.

Aveva conosciuto tropppo presto la fame, il freddo, la malattia e il dolore.

Ma gli dava calore la fiamma della vita che ardeva dentro di lui.

La stessa fiamma che aveva consciuto Maria.

Tra gli uomini che portavano offerte a Maria quel bimbo cresceva sicuro.

Sereno.

Cantavano a squarciagola, la sera, le canzoni d’amore che cantano tutti i ragazzi del mondo.

Bevevano qualche bicchiere di troppo,  per cantare più forte, e bestemmiavano, come bestemmiano tutti gli uomini del mondo che conoscono la fatica della vita.

Cantavano, bevevano e spezzavano il pane.

Erano in molti, ogni sera.

Erano amici.

Ed il bimbo cresceva tra loro, felice.

Nelle sue mani che diventavano adulte avvenivano magie miracolose.

Sapeva far crescere il numero dei pani e dei pesci.

Sapeva trarre d’impaccio la madre facendo trovare glo otri pieni di vino, invece che acqua, per cantare più forte ed alzare odi alla vita!

Sapeva parlare come parlano gli uomini veri, alla sera, quando guardano il cielo che si fa nero e puntano il dito contro le stelle che si fanno vedere.

Fischiava alle ragazze che si vestivano come le stelle del cielo.

Amava la vita e tutto ciò che la vita si porta con sè.


Marc CHAGALL – Rivoluzione

Era nato all’inizio dell’inverno.

Sarà una stagione particolare, quella, quando il confine fra le stagioni non è ancora del tutto stabilito.

Era freddo.

Ma era un freddo di fuori.

Dentro, il calore del fuoco faceva ardere i cuori.

Si racconta ancora oggi la storia del figlio di Maria.

A me è stata raccontata piena di mille dettagli, una storia incredibile, una triste storia col finale drammatico delle belle storie tragiche.

Ma io non so raccontarla così come mi è stata trasmessa.

Io non voglio che la la storia di un povero cristo finisca ogni volta con una croce e un ingiusto sacrificio.

Non voglio che il figlio dei poveri patisca ogni volta la pena più ingiusta.

Preferisco passarla avanti così. Piena di errosi. Piena di vita.

Con quel povero bimbo, cresciuto, un uomo avanti con gli anni, ancora attaccato alla vita, i lunghi capelli imbiancati, la fronte coperta dalle spine delle rughe piuttosto che da quelle della crudele invidia degli uomini.

Io voglio che finisca così.

Povero tra i poveri.

Vivo tra i vivi.

Vita con la vita.

Marc CHAGALL – La vita

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...