SOLITUDINE INCONSOLABILE

Solo è Allah nel Paradiso
del Profeta Makometto
solo è il naso in mezzo al viso
solo è il celibe nel letto,
ma nessun, da Polo a Polo,
come me sul globo è solo,
né mai fu, per quanto germe
ebbe lune del lunario,
perch’io solo sono il verme
lungo verme
cupo verme
cieco verme
bieco verme
triste verme
solitario.

Solitario sulla vetta
della torre antica è il passero
solitario. È la vedetta
solitaria in cima al cassero,
solitario è il soldo, o duolo,
del tapin ch’à un soldo solo,
solo andava il cieco inerme
e ben noto Belisario,
ma il più sol di tutti è il verme
lungo verme
cupo verme
cieco verme
bieco verme
triste verme
solitario.

Tutte l’altre creature
hanno moglie od hanno figli:
i canguri han le cangure
i conigli han le coniglie,
l’api accoppiansi nell’aria
e persin la dromedaria
tra le sabbie nude ed erme
ha il fedele dromedario.
Il più sol di tutti è il verme
lungo verme
cupo verme
cieco verme
bieco verme
triste verme
solitario.

Una vaga fantasia
alle volte pur mi coglie,
la mia mente vola via
e m’immagino aver moglie,
mi par d’essere, o cuccagna,
un bel nastro, una lasagna…
non più fitto in membra inferme
nel mio vil penitenziario
e non più essere un verme
lungo verme
cupo verme
cieco verme
bieco verme
triste verme
solitario.

Nastro a volte mi figuro
di annodarmi intorno a un collo
di fanciulla esile e puro.
In intingoli di pollo
altre volte invece parmi
da lasagna intingolarmi.
Il mio cor si tuffa in terme
di speranza… ed al contrario
resto sempre il verme, il verme
lungo verme
cupo verme
cieco verme
bieco verme
triste verme
solitario.

Pure il giorno verrà, il giorno
che uscirò fuori a vedere
come è fatto il mondo intorno
miserere, miserere,
finirò la vita trista
nel boccal di un farmacista
pieno d’alcool ed erme-
ticamente funerario,
perché io non son che il verme
lungo…
cupo…
cieco…
bieco…
triste verme
SOLITARIO.

Ernesto Ragazzoni. POESIE – Elegia del verme solitario

Annunci

5 Replies to “SOLITUDINE INCONSOLABILE”

  1. Sai che questo Ernesto Ragazzoni l’ ho sentito declamare da David Riondino, in una serata d’ estate all’ aperto….ah come mi è piaciuto, l’ avevo cercato su internet , ma mi ero dimenticata il nome…..ed ora lo ritrovo da te…che sorpresa…….ciaoooooooo.

    Mi piace

  2. Sai che non me ne ero accorta, del link, sono andata a copiarmi la mia preferita…….Piero mi hai fatto un vero regalo.
    Non ti commento il post dell’ esplosione perchè veramente in questo periodo non ce la faccio a leggere di tragedie………mi fanno troppo male, fisicamente mi indigno troppo e sto male, ne ho letto solo un po’, al posto della danza macabra vado a leggermi Ragazzoni………buonanotte Piero.

    Mi piace

  3. Lo so che a volte è molto dura. Ma lo sai che nell’anima mia c’è sempre un pò di ombra. E poi quel brutto fatto di Civitavecchia mi ha colpito perchè quella centrale la conosco, è vicina a Roma, è vicina al mare di Roma, è vicina al mondo del mio lavoro, è un mostro che si aggira intorno e mi guarda da vicino. Non potevo non parlarne.

    Mi piace

  4. Post scriptum: sono contento, Paola, di averti fatto cosa gradita con Ragazzoni: di quella poesia sul… la solitudine del verme solitario ho anche la versione recitata da Vittorio Gassman, su un cd. Qualche volta devo provare a caricarla sul blog e su youtube (lì per ora non l’ho trovata).

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...