My generation

Chissà se il tempo del cambiamento è poi arrivato.

Lo cercavamo. Era nell’aria. Era tutt’intorno a noi.

Il cambiamento. Era tutto.

Tutto doveva cambiare.

Tutto.

E niente.

Niente doveva restare eguale.

Niente.

Era nell’aria, il cambiamento, e lo respiravamo.

Era musica e lo suonavamo.

Era canzone e lo cantavamo.

Era uomini, e donne, e ragazzi.

E tutti insieme camminavamo.

Con le chitarre imbracciate come armi musicali.

Con il trucco pesante sugli occhi.

Con i capelli a zazzera. Ed i blue jeans sgualciti.

Erano azzurri i nostri occhi.

Erano azzurri ed dvevano il riflesso del cielo.


Chissà se il tempo del cambiamento è davvero arrivato.

Sarà arrivato e noi non ce ne siamo neanche accorti.

Come è arrivato se n’è andato, senza disturbare.

Volava alto nell’azzurro dei nostri occhi.

Volava lassù. Leggero. In alto nel cielo.

In alto … Leggero …  Leggero …

Era candido. Innocente. E puro.

Era uno spirito, un soffio, un alito di vita.

Era una colomba. E, alto, volava.

Lassù, leggero, nel cielo.

E gli hanno sparato.

Un colpo.  Bum … 

… alla colomba.

Si sente ancora. L’eco.

Un colpo … bum …

Un tonfo, sordo, laggù.

Stridulo un grido.

… … respiro affannoso …

… paura …

… orrore …

 … bum …

… bumbùm  bumbùm …

… bumbùm … bumbùm …

… batte il nostro cuore …

… spaurito … …

  

Silenzio assordante.

E bandiere. 

Sudario pietoso.

Il cielo…

Scrutiamolo.

… attenti …

… poi torna…

Uno sguardo.

Infisso.

… nel cielo … …

Speranza.

    

CHANGES

(Bowie)

I still don’t know what I was waiting for

And my time was running wild

A million dead-end streets

Every time I thought I’d got it made

It seemed the taste

was not so sweet

So I turned myself to face me

But I’ve never caught a glimpse

Of how the others must see the faker

I’m much too fast to take that test

Ch-ch-ch-ch-Changes

(Turn and face the stranger)

Ch-ch-Changes

Don’t want to be a richer man

Ch-ch-ch-ch-Changes

(Turn and face the stranger)

Ch-ch-Changes

Just gonna have to be a different man

Time may change me

But I can’t trace time

I watch the ripples change their size

But never leave the stream

Of warm impermanence and

So the days float through my eyes

But still the days seem the same

And these children that you spit on

As they try to change their worlds

Are immune to your consultations

They’re quite aware

of what they’re going through

Ch-ch-ch-ch-Changes

(Turn and face the stranger)

Ch-ch-Changes

Don’t tell them to grow up and out of it

Ch-ch-ch-ch-Changes

(Turn and face the stranger)

Ch-ch-Changes

Where’s your shame

You’ve left us up to our necks in it

Time may change me

But you can’t trace time

Strange fascination, fascinating me

Changes are taking the pace

I’m going through

Ch-ch-ch-ch-Changes

(Turn and face the stranger)

Ch-ch-Changes

Oh, look out you rock ‘n rollers

Ch-ch-ch-ch-Changes

(Turn and face the stranger)

Ch-ch-Changes

Pretty soon you’re gonna get

a little older

Time may change me

But I can’t trace time

I said that time may change me

But I can’t trace time

http://www.velvetgoldmine.it/testi/HunkyDory.html

MUTAMENTI

(Bowie)


Non so ancora cosa stavo aspettando

E il mio tempo passava irruente

Un milione di vicoli ciechi

Ogni volta che pensavo di avercela fatta

Sembrava che il sapore

non fosse così dolce

mi sono voltato per guardarmi

ma non ho colto il minimo accenno

di come gli altri vedono uno che finge

sono troppo veloce per quella prova


M-m-m-m-mutamenti 1

(Girati e affronta lo straniero)

M-m-mutamenti

Non voglio essere più ricco

M-m-m-m-mutamenti

(Girati e affronta lo straniero)

M-m-mutamenti

Devo solo cambiare identità

Il tempo può cambiarmi

Ma io non posso inseguire il tempo.


Guardo i vortici che cambiano forma

Senza lasciare mai la corrente

Di calda precarietà e

Così i giorni scorrono attraverso i miei occhi

Ma sembrano sempre uguali

E questi bambini su cui sputi

Mentre cercano di cambiare il loro mondo

Sono immuni ai tuoi consigli

Sanno bene quello

a cui andranno incontro


M-m-m-m-mutamenti

(Girati e affronta lo straniero)

M-m-mutamenti

Non dire loro di crescere e di piantarla

M-m-m-m-mutamenti

(Girati e affronta lo straniero)

M-m-m-m-mutamenti

Dov’è la tua vergogna

Ci hai lasciati dentro fino al collo

Il tempo mi può cambiare

Ma tu non puoi inseguire il tempo.


Strano fascino che mi affascina

I mutamenti seguono

il mio ritmo


M-m-m-m-mutamenti

(Girati e affronta lo straniero)

M-m-mutamenti

Guardate fuori voi che ballate il Rock’n’Roll

M-m-m-m-mutamenti

(Girati e affronta lo straniero)

M-m-mutamenti

Molto presto sarai

un po’ più vecchio

Il tempo può cambiarmi

Ma non riesco a inseguire il tempo

Ho detto che il tempo può cambiarmi

Ma non riesco a inseguire il tempo

    

My generation

 

People try to put us d-down (Talkin’ ’bout my generation)

Just because we get around (Talkin’ ’bout my generation)

Things they do look awful c-c-cold (Talkin’ ’bout my generation)

I hope I die before I get old (Talkin’ ’bout my generation)

 

This is my generation

This is my generation, baby

 

Why don’t you all f-fade away (Talkin’ ’bout my generation)

And don’t try to dig what we all s-s-say (Talkin’ ’bout my generation)

I’m not trying to cause a big s-s-sensation (Talkin’ ’bout my generation)

I’m just talkin’ ’bout my g-g-g-generation (Talkin’ ’bout my generation)

 

This is my generation

This is my generation, baby

 

Why don’t you all f-fade away (Talkin’ ’bout my generation)

And don’t try to d-dig what we all s-s-say (Talkin’ ’bout my generation)

I’m not trying to cause a b-big s-s-sensation (Talkin’ ’bout my generation)

I’m just talkin’ ’bout my g-g-generation (Talkin’ ’bout my generation)

 

This is my generation

This is my generation, baby

 

People try to put us d-down (Talkin’ ’bout my generation)

Just because we g-g-get around (Talkin’ ’bout my generation)

Things they do look awful c-c-cold (Talkin’ ’bout my generation)

Yeah, I hope I die before I get old (Talkin’ ’bout my generation)

 

This is my generation

This is my generation, baby

http://musicwiki.info/ita/the-who-my-generation/

La mia generazione

 

La gente cerca di umiliarci (Parlando della mia generazione)

Solo perchè andiamo in giro (Parlando della mia generazione)

Le cose sembrano fredde (Parlando della mia generazione)

Spero di morire prima di diventare vecchio (Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazuione, baby

 

Perchè non sbiadite tutti (Parlando della mia generazione)

E smettete ti tirare vangate a quello che diciamo tutti noi (Parlando della mia generazione)

Non sto cercando di causare una grande sensazione (Parlando della mia generazione)

Sto solo parlando della mia generazione (Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, baby

 

Perchè non sbiadite tutti (Parlando della mia generazione)

E smettete ti tirare vangate a quello che diciamo tutti noi (Parlando della mia generazione)

Non sto cercando di causare una grande sensazione (Parlando della mia generazione)

Sto solo parlando della mia generazione (Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, baby

 

La gente cerca di umiliarci (Parlando della mia generazione)

Solo perchè andiamo in giro (Parlando della mia generazione)

Le cose sembrano fredde (Parlando della mia generazione)

Sì, spero di morire prima di diventare vecchio (Parlando della mia generazione)

 

Questa è la mia generazione

Questa è la mia generazione, baby

Annunci

3 pensieri riguardo “My generation

  1. Sì Piero, ma la tua generazione è anche quella di oggi…….abbiamo cambiato in peggio……abbiamo contestato le regole , la forma delle regole a favore della sostanza ed ora che abbiamo perso anche la forma ci ripropongono la maschera della forma senza sostanza……che mondo abbiamo lasciato ai nostri figli……bella rivoluzione abbiamo fatto, bella davvero.
    Agramente……ti saluto……..ciao Piero.

    Mi piace

  2. “Era nell’aria, il cambiamento, e lo respiravamo.
    Era musica e lo suonavamo.
    Era canzone e lo cantavamo.
    Era uomini, e donne, e ragazzi.
    E tutti insieme camminavamo.”

    … e leggo con l’invidia di chi non ha vissuto quell’attimo di speranza e consapevole magia.
    di chi non ha visto uomini, donne e ragazzi (re)agire senza scendere a compromessi con la rassegnazione.
    ma anche con gli occhi, meno disillusi, di chi pensa ancora che il futuro possa essere cambiato.

    Mi piace

  3. Non è facile parlare oggi di quel periodo.
    Non è facile nè restare immuni dal virus della retorica, nè sottrarsi alle visioni deformanti della nostalgia, nè dal rischio di costruire una verità mitologica.
    E c’è anche il rischio di restare nella rete del disincanto. E il pericolo di finire nella prigione della disillusione. Di annegare nella palude insana dell’ipocrita autoassoluzione.

    Non mi riferisco direttamente nè a te Paola, nè a te, Centa.

    Paola, si, ci sto pensando anche io, in questo periodo: ma che mondo abbiamo creato, noi, noi di questa generazione, che è, poi, quella lì, quella generazione che credeva, marciava, lottava. E sbagliava, anche. Ma che aveva valori, ideali, fedi. Ed era disposta a mettere in discussione tutto, per quei valori, per quegli ideali, per quelle fedi. Era disposta anche a sbagliare! E che gravi errori ha saputo compiere!!!

    Ma come si è potuta mai rivoltare, poi, quella generazione, in questa generazione di oggi, trasformare quella realtà di impegno e lotta e sogno, in questa realtà così vergognosamente priva di prospettiva?
    Oggi, noi che appartenemmo a quel tempo, che aveva un orizzonte davanti, un futuro come obiettivo, un mondo da conquistare, oggi come abbiamo fatto a perdere tutto quel patrimonio e ad adattarci a vivere in un tempo presente continuo, che non ha spazio altro che per una piatta attesa dell’istante consumista che verrà. Un istante che si consumerà in un istante. Un istante che morirà senza lasciare eredi nè eredità. Un istante che è un’attesa che aspetta solo sè stessa. E che, conchiusa in sè stessa, aspetta solo di trovare requie eterna. Una requie, una pace che spegne ogni sentimento umano e civile, ogni ideale o valore.

    Come abbiamo fatto. Come ha fatto questa generazione?

    Mi interrogo.
    Ma non mi riconosco in questa generazione.
    Lo sai, Paola, che in queste pagine io ci metto i miei valori. Che non voglio perdere. Mentre, invece, so che posso perdere la mia generazione.
    Ma non mi sento solo. Lo so che siamo in molti che possiamo perdere la generazione che ci ingloba.

    Cara Centa. Abbiamo vissuto un attimo di speranza e di magia conapevole. E’ stato un attimo lungo più di un decennio. Ed ha accompagnato moltissimi di noi – da quelli che avevano protestato per un sogno di libertà a quelli che avevano ucciso per un incubo di follia – per lunghissimi dieci anni. Durante i quali si respirava un profumo di libertà che forse oggi non si sente più.

    Ma sai, Centa, voi non dovete avere invidia, e noi non dobbiamo avere nostalgia. Non sono i sentimenti giusti.
    Voi ricevete da noi il testimone. Un pesante testimone, in questa staffetta epocale. Un testimone che parla di nichilismo.
    Ma anche un testimone che ricorda e parla di un sogno, di un’utopia.
    Un sogno, un’utopia che non hanno da spartire niente con l’illusione, il sentimento degli sconfitti.
    Ma il sogno, l’utopia, sono la frontiera, l’orizzonte, la meta finale.
    Ma quello che conta è il viaggio. La direzione. La vita che scorre alla ricerca di quell’orizzonte.

    Lo dice Kavafis. No, Centa? Itaca, questo è.
    E voi avete la forza della clorofilla che trasforma il calore in vita.
    Questa forza sia la vostra forza.

    La mia generazione – dalla quale chiedo umilmente congedo ideale – ha, invece, solo freddo.

    Il futuro è vostro. Centa !

    Io ho il piacere (il dolore, a volte, la nostalgia, la difficoltà, l’orgoglio), in questa repubblica, di testimoniare i sentimenti nei quali crede ancora uno di questa generazione, dalla quale non può separarsi, neanche se decidesse di rinunciare alla propria identità.

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...