IMMAGINA….

LA PACE E’ IL NOSTRO PRIMO BISOGNO.

IL NOSTRO PANE NECESSARIO.

L’INDISPENSABILE ACQUA

PER LE NOSTRE RADICI.

L’ARIA PER I NOSTRI POLMONI.

IL SANGUE PER LE NOSTRE VENE.

IL CALORE PER LA NOSTRA PELLE.

LA LUCE PER I NOSTRI OCCHI.

IL COLORE PER LA NOSTRA VITA.


Tali Sorek (12 anni), Beersheba, Israele.

HO DIPINTO LA PACE

Avevo una scatola di colori
brillanti, decisi, vivi.
Avevo una scatola di colori,
alcuni caldi, altri molto freddi.
Non avevo il rosso
per il sangue dei feriti.

Non avevo il nero
per il pianto degli orfani.

Non avevo il bianco
per le mani e il volto dei morti.
Non avevo il giallo
per la sabbia ardente,

ma avevo l’arancio
per la gioia della vita,

e il verde per i germogli e i nidi,
e il celeste dei chiari cieli splendenti,
e il rosa per i sogni e il riposo.
Mi sono seduta e ho dipinto la pace.

Pace.

Pace.

Pace, in Terra.

Invocazione degli uomini

di buona volontà.

Eroi di oggi.

Eroi del mondo di pace.

Uomini di buona volontà.

I milioni e milioni di fratelli.

Pelle di tutti i colori.

Lingua di Babele.

Preghiera per gli dei

dell’Olimpo di pace.

Dei d’amore.

Dei di pace.

Uomini.

Fratelli.


Silenzio disperato.

Invece.

Ci rapisce.

E guerre ci catturano.

E morte ci prende.

E vite spezzate.

Messi mietute.

Frutti caduti.

Fuori dal tempo.

Malattia putrida.

Peste corruttrice.

Anima infetta.

Fetore.

E miasma.

UOMO DEL MIO TEMPO

di Salvatore Quasimodo

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
-t’ho visto- dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero,
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
quando il fratello disse all’altro fratello:
“Andiamo ai campi”. E quell’eco fredda, tenace,
è giunta fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

Bob Dylan MASTERS OF WARS/PADRONI DELLA GUERRA

Venite padroni della guerra
voi che costruite i grossi cannoni
voi che costruite gli aeroplani di morte
voi che costruite tutte le bombe
voi che vi nascondete dietro i muri
voi che vi nascondete dietro le scrivanie
voglio solo che sappiate
che posso vedere attraverso le vostre maschere…
(leggi il resto)

Il 1^ gennaio la Chiesa Cattolica celebra la Giornata mondiale per la Pace.

Colgo l’occasione per urlare a voce altissima.

Annunci

Un pensiero riguardo “IMMAGINA….

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...