LA BELVA

Hai morbide cadenze.

Muovi passi lenti,

Salti agile,

belva felpata.

Ti muovi nella foresta

della città.

Ti muovi da fiera

e puzzi selvatica.

Ed il tuo pasto

è carne fremente.


Mangiafuoco ha aizzato

la tua fame insaziabile

L’impresario. Epimetèo.

Ha aperto la tua gabbia.

Pandora famelica.

Consumi ansimante, bestia,

lo spazio della città.

Divori gli agnelli

mentre gemono

le madri innocenti.


Ti nutri di sangue caldo,

dea senza tempio.

Non ti nutre la gloria

dell’occhio di cristallo.

Ti attrae senza freni

l’amplesso selvaggio

della massa tumultuante.

Belva senza requie

che ti aggiri nella foresta

dei tronchi di luce.


Un pazzo sacerdote

della religione della luce

a catòdi ti liberò.

E irradi per le vie morte

la tua vibrazione di dolore

senza fine.

Il tuo odore fradicio

conquista l’animo

delle vergini immacolate

e degli innocenti rami d’ulivo.


Attendono ansimanti

e sudate le vittime

l’ultimo respiro singhiozzante.

Mentre affondi  le lame

dei tuoi denti affilati.

Porgono la gola, il cuore,

alla tua fame senza fine.

Alzano preghiere, gelide,

anzichè pianti, o fremiti

di pallida paura.


Ti ha liberato il funambolo.

E ti ha ordinato, compiacente,

di restare al suo servizio.

Ti ha liberato il re dei trucchi.

E tu,

infame belva senza vergogna,

obbedisci come una cagna.

Tu,

che non hai padrone

tra le genti sulla terra.


Ha aperto la tua gabbia,

immonda bestia degli inframondi,

armato del suo sorriso scintillante.

E tu,

padrona delle calde creature,

hai scelto il suo servizio.

Tu,

docile angelo con la spada di fuoco,

innalzi ora il tuo ruggito,

schiava, adesso, nelle piazze affollate.

Annunci

4 Replies to “LA BELVA”

  1. Dear friend, Yo esta bien (it’s correct in your language?)
    Sometiemes I see your posts; your images are alwais very interesting, exciting.

    How are you? Too much busy?

    I hope that your Christmas holidays are going like your desires want.

    A presto (see you soon)

    Mi piace

  2. la belva è in noi………… ci sono persone la cui belva fa fare male agli altri, altre in cui la belva non sa perdonare, altre la cui belva è la sofferenza…….. altre la belva è la malattia, in altre la solitudine……………….siamo belve e agnelli insieme……..ma la belva peggiore è quella che si ciba dell’ agnello……almeno risparmiare l’ agnello, invece si fa finta di accarezzarlo ma lo si sacrifica per primo.
    Ciaooooooooooo………………….per l’ inizio anno vedi di fare un post dove viene fuori la tua parte ironica/allegra ……. dai che vogliamo credere in un anno migliore……..è sempre un nuovo anno.
    Ciaoooooooooooo.

    Mi piace

  3. Era da tanto, Paola, che ce l’avevo dentro, la belva. La vedevo camminare di qua e di là.
    Il mio dentro è quello che sento intorno quando vado in giro, quando vedo la tivvù, è quello che la gente sente intorno a me.
    E’ la belva. C’è. La sento. Allora dovevo farvela vedere.

    Chissà come saranno gli auguri per il nuovo anno?!
    Manca ancora un pò.
    Allegri? Spero di si.
    Io intanto all’anno migliore ci credo.

    E se verrà triste, malinconico?
    Magari sarà struggente.

    Mah, chissà’?!.
    Vedremo.

    Sicuramente gli auguri saranno diretti al cuore, questo è certo.

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...