dal blog di Conchita De Gregorio
Il direttore
21/06/2009 22:17

Avremmo voluto dedicare la prima pagina allo scandalo della legge che vieta le intercettazioni (la legge-bavaglio in discussione in aula domattina), alla strepitosa ennesima trovata del governo che vorrebbe renderla retroattiva non avendo fatto in tempo ad approvarla prima del Bari-gate. Così, con un colpo di mano incostituzionale, non sapremmo niente delle escort che entrano ed escono in auto a vetri oscurati da Palazzo Grazioli (ma se non controlla nessuno all’ingresso come si fa poi a lamentarsi della sicurezza del premier, come si fa a prendersela con un fotografo se qualunque ragazza armata di telefonino ha accesso alla camera dal letto del presidente, come si può tirare in ballo il capo dei Servizi se chi regola l’accesso a Palazzo è Giampi Tarantini, produttore di protesi e bon vivant barese con annesso giro di escort e di droghe?). Avremmo voluto dirvi degli altri luoghi dove si svolgono feste di farfalle e parlare della censura a cui presto tutti – non solo chi vede il Tg1 – saranno piegati per volere del sultano. Però poi c’è la nostra censura e ce n’è un’altra. Ci sono i regimi da operetta, da farsa e da tragedia. Ci sono ragazze che dichiarano ai giornali «quando ci riesco faccio la ragazza immagine. Per esempio sono stata Billionerina per tre anni. Ricordo che Fede mi promise di fare la Meteorina» e ci sono loro coetanee, molto lontano da palazzo Grazioli, che scendono a manifestare per la democrazia e non tornano a casa la sera. Gli occhi di Neda, 16 anni, cancellano ogni altro pensiero. Non so quanti di voi abbiano visto il video sul web: gli spari, i suo occhi sgranati, le urla degli amici e del padre. Sul web: le tv non lo mandano. Così abbiamo messo un fermo-immagine da Teheran in prima pagina. L’ultimo istante di una ragazza che era uscita da casa per dire «dov’è il mio voto?», per manifestare contro il regime che è anche – prima di tutto – censura delle voci libere. Ali Izadi, giornalista iraniano che da oggi ospitiamo sulle pagine dell’Unità, racconta della telefonata di una sua collega a casa della famiglia di un ragazzo morto negli scontri. Un ragazzo come Neda. 25 anni. Si sentono le urla della madre, la telefonata interrotta. I Servizi segreti si inseriscono. La giornalista intimidita. Ci sono molti modi per intimidire. Gli spari e i ricatti, le leggi fatte apposta. Bisogna stare ad occhi aperti, meglio farlo da vivi. Bisognerebbe far sentire agli amici di Neda che noi siamo qui, siamo con loro. Bisognerebbe che l’opposizione in questo paese battesse un colpo, forte e netto, per dire che nessuna forma di dissenso può essere soffocata con violenza. In nessun modo, a nessuna latitudine.
Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. teoderica ha detto:

    Conchita De Gregorio , a me piace molto,è un esempio di umanità e correttezza giornalistica. Questo articolo l' ho letto ieri mattina sull' Unità, e che dirti……..che dire ……si può solo ammutolire.

    Mi piace

  2. teoderica ha detto:

    Conchita De Gregorio , a me piace molto,è un esempio di umanità e correttezza giornalistica. Questo articolo l' ho letto ieri mattina sull' Unità, e che dirti……..che dire ……si può solo ammutolire.

    Mi piace

  3. pietro d. perrone ha detto:

    Si hai proprio ragione.
    Si può solo ammutolire.
    Non ci sono altre parole.
    Anche se non capisco bene chi combatte contro chi e per cosa veramente, lì sta succedendo qualcosa di atroce e di grave.

    E gli italiani, qui, a baloccarsi con le donnine di mr B e con i suoi tentativi di leggi truffa.

    Mi piace

  4. pietro d. perrone ha detto:

    Si hai proprio ragione.
    Si può solo ammutolire.
    Non ci sono altre parole.
    Anche se non capisco bene chi combatte contro chi e per cosa veramente, lì sta succedendo qualcosa di atroce e di grave.

    E gli italiani, qui, a baloccarsi con le donnine di mr B e con i suoi tentativi di leggi truffa.

    Mi piace

I COMMENTI SONO GRADITI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...